Enodiario da Marsala: storia e disciplinare di produzione

Tra i tanti vini ri-scoperti nel mondo dei winelovers non può mancare il Marsala. Vino della Sicilia occidentale dalla tradizione centenaria che trae le sue origini dal perpetuum, un vino ossidativo prodotto dai contadini marsalesi già prima del 1700. Il vino in questione era prodotto aggiungendo vino nuovo a quello contenuto nella stessa botte da cui si era prelevato il necessario per l’anno precedente, un metodo simile al soleras (Porto, Sherry).

image

Il Marsala moderno nacque però con l’arrivo del commerciante inglese John Woodhouse nel porto cittadino il quale nel 1773 approdò con la nave su cui viaggiava nel porto di Marsala. Durante la sosta egli ebbe modo di bere il vino prodotto nella zona, il perpetuum appunto, che trovò simile ai vini spagnoli e portoghesi molto richiesti in quel periodo in Inghilterra (in particolare il Madeira). Decise dunque di trasportare in patria alcuni barili di perpetuum dopo averlo fortificato con acquavite di vino per renderlo stabile ed in grado di affrontare il viaggio in mare. Fu il primo Marsala moderno. Giunto in Inghilterra il vino ebbe grande successo sia perchè incontrava il gusto del tempo sia per il suo prezzo conveniente.
Iniziò così un secolo di creazione di stabilimenti produttivi e crescita quantitativa del vino Marsala. Tra i produttori più importanti, oltre a Woodhouse, Ingham & Whitaker, Florio, Don Diego Rallo, Vito Curatolo Arini, Carlo Pellegrino.

La fortuna del vino Marsala ha conosciuto alterne vicende: dopo i fasti del 1800 una grave crisi attraversò la città e il suo vino dopo la prima guerra mondiale soprattutto per l’operare di commercianti privi di scrupoli che sfruttavano la fama del Marsala per vendere prodotti di qualità scadente. Per questo, già nel 1931 venivano mossi i primi passi verso una legislazione che proteggesse il Marsala originale dalle imitazioni e che ne circoscrivesse la zona di produzione, e fu tutelato dal governo con un decreto ministeriale Acerbo e Bottai (15 ottobre 1931).
Il vino Marsala è stato il primo vino DOC della storia vinicola italiana. Un grande orgoglio per quanti lo producono e per tutto il territorio è stato infatti il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata nel 1969.

Il disciplinare odierno consente la produzione di Marsala con uve provenienti dall’intera provincia di Trapani ad esclusione dei comuni di Alcamo, Favignana e Pantelleria.

La denominazione Marsala è ampia e ben descritta nelle sue varietà da questa piramide.

image

La prima distinzione è in base al metodo di vinificazione e invecchiamento:
Marsala Vergine derivato da sole uve bianche e addizionato, dopo la fermentazione, con solo etanolo di origine vitivinicola e/o acquavite di vino; il Marsala Vergine deve essere sottoposto ad invecchiamento con il metodo soleras per arrivare ad essere commercializzato nei tipi
Marsala vergine con invecchiamento di almeno cinque anni;
Marsala Vergine Riserva con invecchiamento di almeno dieci anni.

Marsala Conciato a cui, dopo la fermentazione, è stato aggiunto:
• etanolo
• mosto cotto, che influirà sugli aromi ed il colore del vino
mistella: una miscela di mosto d’uva tardiva che influisce sul grado zuccherino e sui profumi, e mosto concentrato per conferire maggiore morbidezza ai quali si aggiunge etanolo per bloccare la fermentazione.
Il Marsala conciato deve essere anche esso sottoposto ad invecchiamento per arrivare alla commercializzazione nei seguenti tipi:
Marsala Fine, minimo 1 anno di invecchiamento.
Marsala Superiore minimo 2 anni di invecchiamento
Marsala Superiore Riserva minimo 4 anni di invecchiamento.

La seconda distinzione deriva dai vitigni d’origine e dal colore:
Marsala Oro prodotto con uve Grillo e/o Catarratto e/o Ansonica (detto localmente Inzolia) e/o Damaschino, è vietata l’aggiunta di mosto cotto;
Marsala Ambra prodotto con uve Grillo e/o Catarratto e/o Ansonica (detto localmente Inzolia) e/o Damaschino, con aggiunta di mosto cotto superiore all’1%;
Marsala Rubino (in disuso) prodotto con Perricone (localmente chiamato Pignatello) e/o Nero d’Avola e/o Nerello mascalese e/o (fino al 30% delle uve impegnate in totale) le uve a bacca bianca previste per i Marsala Oro ed Ambra, è vietata l’aggiunta di mosto cotto.

La terza distinzione deriva del residuo zuccherino:
Marsala Secco con zuccheri inferiori a 40 gr. per litro;
Marsala Semisecco con zuccheri superiori a 40 gr. per litro e inferiori a 100 gr. per litro;
Marsala Dolce, con zuccheri superiori a 100 gr. per litro.

image

Vigneto di grillo in Marsala/Cantina De Bartoli

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12ce932a42" />