Diffidate di chi fa troppi vini

image

Qualche tempo fa mi sono trovato a discutere con un noto produttore di Langa sul perchè preferisco chi produce poche tipologie di vino. Mi spiego meglio: mettiamo che io abbia a disposizione 10 ettari vitati, avrò molto probabilmente tre o quattro varietà d’uva piantate su questi, si spera autoctone o per lo meno scelte in base a quelle che danno i migliori risultati nella zona. Questo vuol dire che se non decido di produrre un blend, le vinificherò separatamente per averne tre o quattro vini diversi. Benissimo, direi. Ma come la mettiamo con chi ha 10 varietà d’uva e anzichè tre o quattro vini ne produce 15?
una bollicina non dosata
una bollicina dosata
una bollicina rosè
un bianco in acciaio
un bianco in legno
un rosè (vuoi farti mancare il rosè??)
un rosso solo acciaio
un rosso in barrique
un rosso in botte grande
un rosso superiore riserva speciale affinato mille anni in legno del cretaceo
un bianco dolce
uno spumante dolce
un passito da uve bianche
un passito da uve rosse (lascia fare…)
un vino liquoroso

Io quando mi trovo di fronte a una simile lista di vini dubito delle capacità del produttore e glielo dico. Puoi anche essere un vignaiolo con tanti bravi collaboratori ma nessuno potrà mai convincermi che poni la stessa cura nel fare 15 vini anzichè tre o quattro. Semplicemente per una questione di numeri, di tempo dedicatogli, perchè nonostante tutti i tuoi sforzi la giornata dura per tutti 24 ore e un anno 365 giorni. Mi vien anche da pensare, di fronte a certi cataloghi con decine di pagine per presentare tutta la linea di produzione della cantina, che il produttore non abbia le idee ben chiare su quale direzione seguire. Magari negli anni ha provato a produrre diversi tipi di vino per vedere i risultati, ben venga il mettersi continuamente in gioco, ma manca la fase successiva, quella in cui si decide quali vini sono degni di esser fatti e quali no.
Queste lenzuolate di etichette che vedo spesso in giro sono figlie della mancanza di coraggio nel dirsi che certi vini si fanno solo perchè sono la moda del momento (ad esempio bollicine e rosè) oppure perchè ormai si è acquisita una clientela di affezionati a quel vino, che in realtà è una ciofeca ma piace tanto all’asiatico di turno.
La cura e la capacità di migliorarsi nell’affrontare annualmente la sfida con pochi vitigni/vini è la base per crescere ed affermarsi. Pensateci bene la prossima volta che visitate un produttore e volete acquistare i suoi vini, siete di fronte a un’ottima cantina quando seguono la regola aurea della semplicità: poche etichette – grande cura. Meno di 15 in linea di massima, molto meglio se meno della metà.
Less is more diceva qualcuno tempo fa. E secondo me aveva ragione.

Share

Io, Barolo la Nuit 2015: tre grandi Barolo da comuni minori

image
La sera del 30 maggio 2015, a fine primavera, il Castello di Roddi ospitava l’annuale evento del consorzio Strada del Barolo: Io, Barolo la Nuit 2015.

image
Tra i castelli di Langa quello di Roddi è uno dei meno conosciuti ma al contempo uno dei più affascinanti, merita certamente una sosta. A fine maggio nel cortile del Castello la degustazione (informale) chiedeva già le maniche corte e i tigli in fiore addolcivano l’aria dell’estate alle porte. Decine i produttori partecipanti e vini in libera degustazione. Tutti (o quasi) allineati nel presentare al banchetto l’ultimo nato, il loro Barolo 2011.
Annata buona, che ha dato vini dal facile approccio anche in gioventù, con il frutto maturo ben in evidenza. I Barolo 2011 sono splendidi da bere ora e nel prossimo decennio ma generalmente non hanno la caratura per sfidare il tempo come nei grandi millesimi. La caratteristica interessante della degustazione era che molti Barolo provenivano da tre comuni minori della denominazione: Novello, Verduno, Roddi. Fa bene di tanto in tanto ricordare che accanto ai cinque paesi più noti (Castiglione Falletto, La Morra, Barolo, Monforte, Serralunga) ne troviamo altri sei (Novello, Verduno, Roddi, Grinzane Cavour, Diano, Cherasco).
Sul sito del Consorzio di Tutela si trovano tutte le informazioni riguardandi la denominazione ma per un focus dettagliato sulla zona del Barolo e sui suoi cru affidatevi al nuovo libro MGA di Masnaghetti, una vera Bibbia sul tema.
Io nel mio piccolo vi segnalo tre assaggi di splendidi Barolo 2011 da vigneti in Novello, Roddi e Verduno.

image
Cadia – Barolo Monvigliero 2011
Barolo di Verduno fino al midollo, di grandissima finezza, giocato su un’estrazione del frutto millimetrica. Entra in bocca avvelgendola con un frutto scuro, molto saporito, vena sapida, tannino ancor vigoroso e minuto, lunga persistenza.

image
Negretti – Barolo Mirau 2011
Arriva dal Bricco Ambrogio di Roddi uno dei Barolo che più rimandano all’uva mai bevuti. Il frutto in bocca è ancora masticabile, muscolare, legno non percepito. Più esuberante e meno preciso del precedente è giocato su una vincente semplicità. A tavola potrà accompagnare il cibo con una disinvoltura inusuale per un Barolo.

image
Le Strette – Barolo Corini Pallaretta 2011
Prima uscita per questo Barolo e probabilmente la prima vinificazione separata di sempre per questo vigneto di Novello.
La materia è tanta ma di qualità eccelsa, ha ancora una quota di legno da saldare e poi sarà puro godimento. Frutti ben maturi, tannino grintoso e una scia minerale per un allungo gustosissimo. Una grande scoperta, da comprare a mani basse.

Share
12ce932a42" />