Enodiario da Santorini, un paradiso precario

image
Santorini è bianco, blu e nero. Bianco delle case e delle chiese, accecante per il sole a mezzogiorno, dolce come il miele al tramonto. Blu del mare e del cielo uniti a perdita d’occhio in un abbraccio intenso e profondo. Nero del vulcano, delle sue interioria sputate fuori nei secoli, rocce arroventate dal sole e scalfite dal vento. Santorini è vivere alla giornata in un luogo che solo qualche generazione fa non era così com’è oggi, è un paradiso precario e le sue vigne sono l’essenza di questa filosofia.

image

image
Prepararevi a non vedere i classici filari pettinati ma troverete viti a piede franco basse, rasenti al suolo, protette dai venti da muretti a secco e da un sistema di potatura a cestino. Tutto ciò rende la meccanizzazione impossibile e il costo di manodopera per coltivare il vigneto molto elevato, in parte compensato da una quasi totale assenza di trattamenti fitosanitari.
Stupefacente la varietà ampelografica di decine di autoctoni per un’isoletta di neanche 80 km². Sono tre i bianchi principali, assyrtiko, aidani, athiri e due i rossi, mavrotragano e mandilaria.
L’assyrtiko è senz’altro il fuoriclasse della batteria, tanto che occupa i tre quarti della superficie vitata di Santorini. È un bianco strutturato, nonostante il sole rovente dell’isola conserva una spina dorsale fresca ed acida che rende il sorso gustoso ma diritto e lo sostiene nell’invecchiamento che può arrivare anche a 10 anni.
L‘athiri evidenzia fin dal nome le sue radici isolane (l’antico nome di Santorini è Thira, oggi nome della città principale). In purezza è leggermente aromatico, di moderata alcolicità ed acidità. In molti casi l’athiri viene unito all’assyrtiko per renderne il sorso più snello e fruttato.
L’aidani è un’uva aromatica, produce vini di poco corpo e bassa acidità. Esistono alcuni esempi di vinificazione in purezza, ma solitamente anch’esso viene assemblato con l’assirtiko, specie nel caso si produca il Vinsanto da uve passite.
Il mavrotragano è un’uva a bacca rossa autoctona di buone potenzialità, la più interessante che abbia assaggiato. Produce un rosso corposo, molto minerale, con tannini fini e saporiti, che ben si presta all’affinamento in legno.
La mandilaria è il rosso autoctono più diffuso sull’isola, dona vini profumati, molto intensi nel colore, leggeri in alcol, corpo ed acidità. Viene vinificata in purezza o assemblaggio e spesso i grappoli vengono lasciati disidratare naturalmente al sole per produrne un passito.
Le cantine che vinificano a Santorini non sono molte, poco più di una decina, ed è diffusa la pratica tra i piccoli viticoltori di conferire le uve a queste ultime, non avendo l’attrezzatura necessaria per produrre in proprio il vino.
Le principali sono:
Art Space Winery
Argyros
Atzidakis
Santo Wines
Sigalas
Antoniou
Boutari
Roussos
Gaia
Gavalas
Volcan Wines
Come detto, alcune cantine vinificano sia uve di proprietà che acquistate, altre solamente uve di proprietà, alcune di esse poi fanno parte di realtà imprenditoriali molto più ampie, con zone di produzione vinicola anche su altre isole greche o nei dintorni di Atene. Trovate in grassetto le più importanti (sia a livello qualitativo che per reperibilità), nelle quali la visita è quasi un obbligo per ogni winelover in vacanza a Santorini che si rispetti. Una nota dolente ma evidentissima è come il paesaggio dell’isola sia oggetto di una cementificazione costante, diretta conseguenza del crescente flusso turistico. Scegliere prodotti locali, far visita ai produttori e acquistare il frutto dei loro sforzi è un modo per contrastare questa tendenza e salvaguardare un paesaggio unico: pomodori, fichi, capperi, pistacchi e, ovviamente, vino. Un modo per contribuire a preservare un delicato paradiso, e portare via con sè un po’ di quel bianco, blu e nero che è Santorini.
image

Share

Il Pietramarina di Benanti ed il miglior ristorante di Langa

Se oggi un forestiero mi chiedesse dove mangiare per la prima volta in Langa la risposta sarebbe senz’altro: da Bovio! Non che manchino altre degne proposte, anzi, i locali con cucina tipica e meno tipica sono sempre di più su queste colline. Troverete un’infinità di proposte dalla più economica delle osterie con menù fisso e vino sfuso ai ristoranti stellati con piatti incredibili e carta dei vini spaziale.
Però in medio stat virtus ed è ciò che troverete da Bovio.
Arrivati al ristorante sarà sufficiente uno sguardo al panorama dalla terrazza per capire che comunque vada sarà un successo.

image
La scelta dei piatti non ha sbavature, soprattutto il menù a 45 euro è completo, in assoluto il miglior assaggio di Langa che possiate fare a quel prezzo.
E quello che soddisfa ancor più i winelovers, in mezzo a tutti questi piatti eccellenti, è una carta dei vini che definirla carta pare un po’ riduttivo: è un vero e proprio volume stile saga di Tolkien. Le referenze sono tante, ben ordinate, spesso con più annate disponibili e oltre all’ampia selezione piemontese non mancano bottiglie italiane ed estere, con Champagne e Borgogna a farla da padrone. Tra gli altri sono una certezza i Montrachet di Ramonet e il Silex di Didier Dagueneau, qualità/prezzo imbattibile per il Saint Joseph di Domaine Coursodon. Seguendo la mia solita linea del qualità/prezzo ho scelto di bere un Etna Bianco: il Pietramarina di Benanti.

image

image
Benanti – Etna Bianco Superiore Pietramarina 2010
Il 2010 ha tutti i tratti che deve avere un grande vino bianco: freschezza e mineralità a palate, eleganza e capacità evolutiva.
Il colore è paglierino netto e brillante, vi si respirano a due narici i fiori bianchi, la mela, le rocce acide della muntagna su cui crescono gli incredibili ceppi decennali di carricante (in parte a piede franco) da cui deriva. È un bianco di montagna, alla cieca si può tranquillamente collocare in nord Italia, Austria o Francia. Magia dell’Etna, di un vigneto del sud a quasi mille metri d’altezza, e dei Benanti che continuano a interpetare questo carricante in purezza, nel senso letterale del termine.
Lo trovate in carta da Bovio a 30 euro, cercatelo in giro e capirete perchè a quel prezzo non potevo farmelo scappare, soprattutto servito su quel terrazzo, che è uno dei gioielli di Langa che mezzo mondo ci invidia.

Share
12ce932a42" />