Vinitaly 2014: i produttori da non perdere

image

Amato, odiato, snobbato, che lo vogliate o no il carrozzone del Vinitaly 2014 è in arrivo. Veronafiere accoglierà i visitatori nei prossimi 6-7-8-9 aprile. Per orientarsi tra le migliaia di banchi d’assaggio ecco un elenco personale e non esaustivo dei migliori produttori presenti.
Ho volutamente omesso la Lombardia di cui comunque raccomando la visita al Consorzio Vini della Valtellina.

-VALLE D’AOSTA-
PAVESE ERMES pad 12 stand B3/C3
CAVE DU VIN BLANC DE MORGEX ET DE LA SALLE pad 12 stand B3/C3
CAVES DE DONNAS pad 12 stand B3/C3
GROSJEAN FRERES pad 12 stand B3/C3
LA CROTTA DI VEGNERON pad 12 stand B3/C3
LES CRETES pad 12 stand B3/C3
LO TRIOLET pad 12 stand B3/C3
OTTIN pad 12 stand B3/C3
QUATREMILLEMETRES pad 12 stand B3/C3

-PIEMONTE-
ALMONDO GIOVANNI pad 10 stand A2
ALTARE ELIO pad 10 stand F3
ANTONIOLO pad 10 stand 4-C3
AURELIO SETTIMO pad 10 stand G3
AZELIA pad 10 stand A2
BOSCHIS CHIARA – PIRA pad 10 stand A2
BOSCO AGOSTINO pad 10 stand 1-D3
BRIC CENCIURIO pad 10 stand G2
BROVIA pad 10 stand H3
COMM. G.B. BURLOTTO pad 10 stand H2
BUSSO PIERO pad 10 stand G2
CA’ DEL BAIO pad 10 stand L2
CA’ D’GAL pad 10 stand A1
CANTINA PRODUTTORI CAREMA pad 10 stand 7-D3
CASCINA CA’ ROSSA pad 10 stand C1
CASCINA VAL DEL PRETE pad 11 stand E5-G6 n.22
CAVALLOTTO pad 10 stand G3
CHIONETTI QUINTO pad 10 stand A2
CONTERNO FANTINO pad 10 stand A2
COPPI VIGNE MARINA COPPI pad 10 stand D1
CORINO RENATO pad 10 stand B2/C2
CORREGGIA MATTEO pad 10 stand M2
CORTESE GIUSEPPE pad 10 stand C2
CRIVELLI MARCO pad 10 stand 38-B3
DIEGO CONTERNO pad D stand B1
DISTILLERIE BERTA pad 10 stand H3
FENOCCHIO GIACOMO pad 10 stand C1
FERRANDO pad 10 stand 7-D3
GERAMANO ETTORE pad 10 stand E2
GIANFRANCO ALESSANDRIA pad 10 stand F3
GRASSO ELIO pad 10 stand A2
IARETTI PARIDE pad 10 stand 4-C3
LA CAUDRINA pad 10 stand A2
LA COLOMBERA pad 10 stand M2
LA RAIA pad 10 stand M3
LA SCOLCA pad 10 stand L2
LE PIANE pad 12 stand D4
MANZONE GIOVANNI pad 10 stand G2
MARCHESI ALFIERI  pad 10 stand I3
MARIOTTO CLAUDIO pad 10 stand E2
MASCARELLO GIUSEPPE pad 10 stand F3
MASSOLINO pad 10 stand C2
NERVI pad 12 stand B2
ODDERO PODERI pad 10 stand H4
PRODUTTORI DEL BARBARESCO pad 10 stand G3
ROSSO GIOVANNI pad 8 stand L2
SAN FEREOLO pad 12 stand A5-D6 n.101
SARACCO PAOLO pad 10 stand G3
SCHIAVENZA pad 10 stand I3
SOTTIMANO pad 10 stand M2
TRAVAGLINI pad 10 stand G1
VAJRA pad 10 stand G4
VALLANA ANTONIO pad 10 stand 4-C3
VEGLIO ALESSANDRO pad 10 stand B2/C2
VEGLIO MAURO pad 10 stand F3
VIETTI pad 10 stand L4

-LIGURIA-
BIO VIO pad 12 stand A5-D6 n.9
DURIN pad 12 stand C4

-LOMBARDIA-
CONSORZIO VINI VALTELLINA palaexpo stand A/B/C/D1

-TRENTINO ALTO ADIGE-
ELENA WALCH pad 6 stand D3
FALKESTEIN pad 6 stand C1
FERRARI pad 3 stand C3
FORADORI pad 12 stand A5-D6 n.67
GUMPHOF pad 6 stand B3
FRANZ HAAS pad 6 stand B2
HOSFATTER pad 6 stand D3
LOACKER pad 10 stand G4
PACHERHOF pad 6 stand C1
TERLANO pad 6 stand C3

-FRIULI VENEZIA GIULIA-
BORGO DEL TIGLIO pad 6 stand C5
DAMIJAN PODVERSIC pad 6 stand C7-E8
LIVIO FELLUGA pad 6 stand B6
NONINO DISTILLATORI pad 7 stand E2
PRINCIC pad 7 stand B4-B5
RADIKON pad 12 stand A5-D6 n.46
VENICA pad 6 stand C6

-VENETO-
ADAMI pad 4 stand A2
ANTONIO FACCHIN pad 4 stand B4
BELE CASEL pad 4 stand B2
BERTANI pad 5 stand D5
BISOL pad 7 stand E7/E8
BORTOLOMIOL pad 4 stand C5
CA’ RUGATE pad 4 stand B5
CECCHIN pad 5 stand F7-G4-G7
GINI pad 10 stand B2/C2
VIGNETO DUE SANTI pad 4 stand G4
ZENI pad 5 stand G2
SARTORI pad 4 stand E2
ALLEGRINI pad 6 stand E5

-TOSCANA-
AMERIGHI STEFANO pad 12 stand A5-D6 n.99
LISINI pad 9 stand A5
BADIA A COLTIBUONO pad 9 stand D9
FATTORIA DEI BARBI pad 9 stand C6
BIONDI SANTI TENUTA IL GREPPO pad 9 stand C8
CASTELLO DI FORTERUTOLI pad 9 stand C15
FATTOI pad 9 stand B4-B8
FELSINA pad 9 stand A5
FONTODI pad 9 stand C3
GRATTAMACCO pad 7 stand B10-B11
ISOLE E OLENA pad 12 stand A2
LE CHIUSE pad 9 stand B4-B8
LE RAGNAIE pad 9 stand D2-D4
MASTROJANNI pad 9 stand B1
MONSANTO pad 9 stand D9
PASSOPISCIARO pad 12 stand A2
POGGIO ARGENTIERA pad D stand E3
POGGIO DI SOTTO pad 7 stand B10-B11
SALVIONI pad 9 stand C10
TENIMENTI LUIGI D’ALESSANDRO pad 12 stand B2
TIEZZI pad 9 stand B4-B8
TUA RITA pad 9 stand C4
VIGNAMAGGIO pad 9 stand D2
 
-EMILIA ROMAGNA-
VILLA VENTI pad 12 stand A5-D6 n.39

-MARCHE-
GAROFOLI pad 7 stand E7/E8
UMANI  RONCHI pad 7 stand E4

-UMBRIA-
ARNALDO CAPRAI pad 7 stand D5

-ABRUZZO-
MASCIARELLI pad 7 stand D9
EMIDIO PEPE pad 12 stand A5-D6 n.53

-LAZIO-
CINCINNATO pad A
SERGIO MOTTURA pad A
CASALE DELLA IORIA pad A

-CAMPANIA-
GUIDO MARSELLA pad 7 stand B4-B5
BENITO FERRARA pad 10 stand B2/C2
CIRO PICARIELLO pad A
COLLI DI LAPIO pad 10 stand B2/C2
MASTROBERARDINO pad 6 stand E3
SALVATORE MOLLETTIERI pad 10 stand B2/C2
PIETRACUPA pad A
QUINTODECIMO pad 7 stand C4
VILLA DIAMANTE pad A

-PUGLIA-
GIANFRANCO FINO pad 11 stand G3/G4 N.46/47

-BASILICATA-
PATERNOSTER pad 7 stand D5
CARBONE pad 8 stand B8/9-C8/9

-CALABRIA-
‘A VITA pad 12 stand A5-D6 n.100
LIBRANDI pad 6 stand F2

-SICILIA-
ARIANNA OCCHIPINTI pad 12 stand A5-D6 n.49
GRACI GIROLAMO RUSSO pad 2 stand 108G
BENANTI pad 2 stand 109G
FRANCESCO GUCCIONE pad 12 stand A5-D6 n.101
GULFI  pad 2 stand 134I-122H
PALARI pad 9 stand D6

-SARDEGNA-
SEDILESU pad D stand B2
TENUTE DETTORI pad 12 stand A3-C7

image

Share

Il Boca 2006 Le Piane, un vino piccolo eppur grandissimo

Costeggiando il Sesia, arrivando da Prato Sesia in direzione Borgosesia, si passa per Grignasco e lì si svolta a destra per Boca. La strada abbandona presto i caseggiati e sale attraversando boschi verdissimi di castagni, felci e fertile terra scura con il grigio della roccia di montagna che affiora. Salendo la strada si fa stretta e ad ogni curva ti domandi se hai un cestino in macchina, che più che cercare vigneti qui si va a cercare funghi, pensi. E invece scollini e sulla sinistra trovi la cantina di Podere ai Valloni, poi i primi vigneti sparuti e infine l’estasi: in mezzo al nulla, quasi fuori luogo, si staglia fiero un santuario imponente.

image

Opera dell’Antonelli, sontuoso esempio di architettura neoclassica, dapprima ti lascia sgomento e poi ti fa gioire d’esser lì ad ammirarlo tanto è bello.

image

image

Si resta di sasso come di fronte al Boca di Christoph Künzli (Le Piane) che col 2006, giovanissimo, punge il naso di frutti scuri e tabacco e ha un palato oggi scontroso, roccioso, dai tannini coriacei. Un vino monumento, al pari dei grandissimi di Langa cui è così fiero di non appartenere, da attendere con fiducia mentre slega pian piano la trama tannica perchè ha materia per durare un’eternità. Boca è un’eccellenza assoluta, da tenersi stretta e non svendere.
Un vino piccolo eppur grandissimo.

Share

Enodiario del Portogallo: il Porto

Neanche a dirlo pensando ai vini del Portogallo, il primo per fama è certamente il vino-mito nazionale: il Porto. La zona di coltivazione dei ripidi vigneti si trova nell’entroterra, sulle sponde del Douro e ha come luogo di riferimento la città di Vila Nova de Gaia dove si trovano gran parte delle cantine produttrici. Il paesaggio è mozzafiato, patrimonio UNESCO, meta fondamentale per l’enourismo.
L’uva più pregiata con cui viene prodotto il Porto è la touriga nacional, la più diffusa è la touriga francesa seguita da tinta barroca e tinta roriz. Si tratta di un vino in cui il processo di fermentazione, di trasformazione degli zuccheri in alcoli, viene interrotto (mutizzato) unendo acquavite. Il risultato è un vino liquoroso, tra i 19% e i 22% gradi alcolici, di grande personalità con differenze accentuate dal metodo produttivo:

image
White
Versione particolare, prodotto esclusivamente con uve a bacca bianca (donzelinho, cão, esgana) affinato in grandi botti, a volte viene distinto in base al grado zuccherino residuo in secco, semisecco (leve seco) e dolce (lagrima). Questo vino è solitamente servito come aperitivo ma nella versione dolce può anche accompagnare il dessert e, se invecchiato, diventare un vino da meditazione.

image
Ruby
È la versione giovane del Porto rosso prodotta utilizzando uve a bacca nera provenienti da posizioni di poco prestigio che vengono brevemente affinate in grandi botti prima dell’imbottigliamento. Un vino frutto dell’assemblaggio di diverse annate da bersi giovane, con gradazione contenuta (in rapporto alla tipologia) e decise note fruttate.

image

Tawny
Più prestigioso del Ruby, affina per un massimo di tre anni in botte grande. I sentori fruttati sono ancora ben presenti ma l’invecchiamento ha già fatto emergere note più complesse e un colore granato scarico.

image
Aged Tawny
Un ottimo Porto, frutto dell’assemblaggio di diversi Tawny invecchiati in botti per molti anni. In etichetta viene riportata la durata media di invecchiamento delle diverse partite, solitamente 10, 20 o 30 anni.

image
Colehita
Un grande Aged Tawny frutto di una singola annata maturato per almeno sette anni in botte.

image
LBV o Late Bottled Vintage
Prodotto annualmente, frutto di una singola annata e maturato tra i 4 e i 6 anni in botte.

image
Vintage
Il Porto più pregiato e ricercato, frutto di una singola annata, prodotto solamente nelle annate all’altezza e con uve dei migliori vigneti. Invecchia brevemente in botte e ha secolare capacità di affinare in bottiglia.

image
Vintage Single Quinta
Una varietà di Vintage sempre più in voga prodotto con le uve di un singolo vigneto di eccezionale pregio.

Share
12ce932a42" />