Ancora Toscana, fortissimamente Toscana: il Rosso di Montalcino di Baricci

image
Nella parte nord-occidentale del comune di Montalcino, sulla collina di Montosoli, i Baricci coltivano sangiovese da tre generazioni dal lontano 1955. La famiglia Baricci è una realtà fondante nel panorama ilcinense, di quelle che non hanno tradito la propria origine continuando a produrre dai 5 ettari di vigneti Rosso e Brunello di Montalcino d’impostazione tradizionale.

image
Baricci – Rosso di Montalcino 2012

La veste del 2012 è rubino, luminoso per la luce che lo attraversa con facilità. Al naso si svela lentamente e forse mai del tutto, partendo dai frutti rossi maturi e andando in profondità con note ematiche.
In bocca è uno spettacolo decisamente più disvelato: ha bella polpa, freschezza e una scia sapida e ferrigna continua e ben in evidenza. Un sorso di carattere dove il tannino non manca di vigoria, senza per questo appesantirne la bevibilità. Un vino che chiama cibo, meglio se accompagnato a qualche primo o secondo tradizionale toscano. Questo 2012, acquistato a una decina di euro, rafforza la convinzione che quello di Baricci sia il miglior Rosso di Montalcino per qualità/prezzo in circolazione.

Share

Occhio perchè all’Elba si fanno grandi vini

Sapete, siamo nel 2014 (ahimè quasi 2015) e non c’è praticamente più alcun luogo di questo pianeta su cui l’uomo non abbia poggiato i piedi. Discorso simile vale per la vitivinicoltura, anche di casa nostra. Inutile che ci lamentiamo dei vari Châteaux cinesi nati negli ultimi anni se poi nel Bel Paese ci ostiniamo a piantare viti ovunque. Dall’Alto Adige alla Sicilia non c’è regione senza la cosiddetta vocazione viticola che sarà indispensabile per vendere il vino ma -ad esempio- qualcuno deve spiegarmi dov’è in certe pianure bresciane coltivate a mais prima dell’invenzione della Franciacorta.
Se da un lato è vero che la penisola straripa di varietà indigene, non è certo solo necessario il vitigno autoctono di turno per fare un grande vino ma servono un territorio, storia e cultura. E tutto ciò è più raro di quel che si pensi, quindi prima o poi i nodi verranno al pettine.
Questo preambolo potrebbe calzare con l’Isola d’Elba, piccolo e grazioso lembo di terra immerso nel Tirreno, dove la vite è di gran lunga la coltura principale ma queste due bottiglie dicono che non è così.

image
Acquabona – Elba Ansonica 2013
L’ansonica (o inzolia) è il principale vitigno a bacca bianca dell’isola anche se ha origini siciliane. Questo 2013 di Acquabona è di un giallo paglierino didattico, di poca consistenza al roteare il bicchiere. Ha un bouquet vegetale di erba falciata e un accenno agrumato ma è in bocca che stupisce: è fresco, sapido e incredibilmente beverino eppur mai banale. Io l’ho bevuto con il sushi ed era perfetto; immagino possa essere un grande compagno a tavola con un carpaccio di pesce freschissimo, magari proprio mentre siete all’Elba.

image
Arrighi – Toscana IGT Tresse 2011
Il Tresse di Arrighi è un blend di sangiovese, sagrantino e syrah, tre S appunto. Un vino ben riuscito, affinato in terracotta e parte in barrique prima dell’assemblaggio. Il 2011 è rubino cupo, consistente, odora di mora e macchia mediterranea. In bocca ha carattere, il tannino del sagrantino si fa sentire ma non manca il fruttato del sangiovese e soprattutto del syrah a compensarlo. Vino di sicura longevità, almeno decennale. Darebbe filo da torcere a tanti IGT Toscana prodotti in continente, al di là del mare.

Le grandi potenzialità della vitivinicoltura dell’Elba oggi sono davvero poco espresse. Servirebbe un cantore innamorato di questi luoghi, delle sue vigne, dei vignaioli e dei vini, un po’ come lo è il buon Enofaber per la Valle d’Aosta. E spero arrivi presto, molto presto.

Share

Due splendide cartoline dalla Toscana

image
Bucciarelli – Chianti Classico 2008
Ezio e Massimo Bucciarelli dell’Antico Podere Casanova producono a Castellina uno dei Chianti Classico più rustici e al tempo stesso più fedeli al terroir.
Il Chianti Classico 2008 è rubino carico, materico, granato sull’unghia, profuma di ciliegie, fiori di geranio e terra bagnata. Il sorso è al pieno della godibilità, fatto di ciliegie sotto spirito ed una squillante arancia sanguinella, di sottobosco con foglie secche e sensazioni terrose. Bottiglia da bere e ribere senza moderazione, la cui unica pecca è la difficoltà nel reperirla se non in loco. Colpa della modica quantità prodotta e del prezzo interessantissimo, poco più di 10 euro in enoteca. Avanti così!

image
Poderi Sanguineto I e II – Vino Nobile di Montepulciano 2011
Il Nobile di Montepulciano di Poderi Sanguineto è un’interpretazione tradizionalissima: sangiovese (nel clone prugnolo gentile) unito agli autoctoni canaiolo nero e mammolo, lunghe macerazioni e affinamento di due anni in grandi botti di rovere. Il Nobile 2011 è leggiadria e complessità assieme. La veste è di un luminoso rosso rubino, ha un naso di piccoli frutti rossi e spezie, in bocca ha un guizzo fresco, sapido e ancora speziato, sul finale lascia una profonda nota di radici e liquirizia. Un vino importante ma non pomposo, a conferma di quanto la sia moderna la classicità.

Share

Nel vino cerco un luogo e un tempo

Come sempre mi capita ho visto con gran piacere il filmato in cui Mauro Fermariello intervista i produttori presenti a Villa Favorita 2014 chiedendo loro cosa cercano in un vino.
La domanda è tutt’altro che banale, soprattutto se rivolta a persone che a vario titolo fanno parte del variegato enomondo, siano esse produttori, commercianti, consumatori. Già, perchè ci ostiniamo a discutere animatamente con ogni mezzo su questo o quell’aspetto, ma esattamente cosa cerchiamo in un vino?
In primis mi viene da pensare che rispondere a una domanda del genere è questione di cultura, di esperienza nell’assaggio; ma resta una traccia di fondo, un filo conduttore, ed è che io nel vino cerco un luogo e un tempo.
Il luogo e il tempo in cui l’uomo ha scelto di mettere a dimora una barbatella di vite, il dove e il quando ne ha accudito la crescita e ne ha colto i frutti, la cantina in cui li ha vinificati e lo scorrere del tempo nell’affinarlo, e poi ancora quello trascorso in bottiglia in casa di un privato o viaggiando per il mondo, prima di essere bevuto. Perchè bere un vino lo fa per sempre nostro. E un filo lega l’istante in cui lo facciamo al luogo e al tempo in cui è nato, a un dove e un quando che si fanno materia viva in noi.

image
Lisini – Rosso di Montalcino 2010
Tutto questo lo trovate nel Rosso di Montalcino di Lisini, sangiovese fermentato in cemento e affinato in grandi botti di rovere di Slavonia. L’annata 2010 ha grinta da vendere, frutti rossi maturi, decisa sapidità e un calore alcolico che lascia un filo scoperto il frutto (ma sono inezie).

image
Lisini – Rosso di Montalcino 2012
Il 2012 profuma di viola, frutti rossi maturi, spezie e pur nella sua giovane freschezza, gode già di un buon equilibrio in bocca.
Bevetene un sorso e sarete subito trasportati a Montalcino in quelle annate.
Troverete un luogo e un tempo che, in fondo, sono della stessa natura.

Share

Serata in bianco con un Batàr 2000 in forma strepitosa

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Bollinger – Champagne Special Cuvée

Domaine Ramonet – Chassagne-Montrachet 1er Cru Morgeot 2006
Querciabella – Batàr 2000
Domaine Larue – Puligny-Montrachet 1er Cru La Garenne 2010
Kante – Chardonnay 2010
Jean-Marc Brocard – Chablis Grand Cru Les Clos 2009
Gaja – Gaia & Rey 2009
Domaine Servin – Chablis Grand Cru Les Preuses
Jermann – Vintage Tunina 2007
Claudio Mariotto – Timorasso Pitasso 2009
Antinori – Cervaro della Sala 2011
Bricco Maiolica – Pensiero Infinito 2009
Damian Podversic – Ribolla Gialla 2006
Fattoria San Lorenzo – San Lorenzo 2001

Share

Syrah vagabondi di febbraio

image

image

image

image

Domaine Jamet – Côte Rôtie 2011
Gillardi – Langhe Harys 2007
L’Histoire d’Enfer – Syrah L’Enfer de la Patience 2009
Benito Favaro – Syrah Rossomeraviglia 2011
Tenimenti d’Alessandro – Cortona Syrah 2009
Cusumano – Terre Siciliane Syrah 2012
Gillardi – Harys 2004

Jaquesson – Champagne Cuvèe 736

image

Share

Il Bruciato 2008, da Bolgheri a testa alta

A Bolgheri si fanno grandi tagli bordolesi. Punto.
Chi segue le mode e storce il naso davanti ad un Cabernet o ad un Merlot farebbe bene a confrontarlo con quello coltivato in qualunque altra zona italica perchè se oggi c’è una zona della nazione (isole comprese) davvero vocata per questi vitigni è qui e non altrove.
Questo Bolgheri è stupendo, un toscanaccio vestito a puntino per il giorno di festa. Per metà Cabernet Sauvignon, 30% Merlot, 20% Syrah. Uve pressate, fermentate a temperatura controllata in acciaio, svolgolo la malolattica in barriques; assemblato il vino viene messo nuovamente in barriques per 8 mesi prima dell’imbottigliamento e di un ulteriore affinamento di 4 mesi prima della vendita.

image

Tenuta Guado al Tasso – Bolgheri Il Bruciato 2008
Rubino limpido, ha un naso potente e variegato, di ciliegie e fragole sciroppate, lieve speziatura dolce, note fresche e mediterranee di mirto. Al palato è succoso, elegantissimo con un incedere in bocca d’alta classe ed un tannino chirurgico. La persistenza pur non lunghissima invita ad un altro sorso tanto è piacevole la sensazione tattile provata in precedenza. Chapeau!

Share

Colossale degustazione dicembrina

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Share

Tenuta San Guido – Le Difese 2009 (+ E.N. dei Baustelle)

Cenetta semplice in coppia: antipasto e primo, candele e incensi a profusione, la voce di Bianconi dei Baustelle in sottofondo (pura poesia, vedi sotto), un rosso toscano non troppo impegnativo.

Tenuta San Guido – Le Difese 2009
Alla vista è rubino carico di buona densità; profuma intensamente di more e prugne in confettura, di erbe fresche di macchia mediterranea. In bocca ha una grande spinta acida che lo rende beverino, mora e mirtillo, sensazioni vegetali e fruttate con tannini sommessi, un lungo finale tutto sul frutto.
Un vino che si concede facilmente, libertino, per quando avete la testa altrove o rapita dalla donna con cui cenate. Una bottiglia in due è la dose minima consigliata, per 15 euro non ve ne pentirete.

Share

Tenuta dell’Ornellaia – Le Volte 2009

L’etichetta base di Tenuta dell’Ornellaia è un blend di 50% Merlot, 30% Cabernet e 20% Sangiovese vinificati separatamente, assemblati ed affinati 10 mesi in carati di terzo passaggio. Vino dall’approccio facile, di chiaro stampo internazionale come si conviene, capace di gratificare l’amante del genere.

20121126-221744.jpg
Tenuta dell’Ornellaia – Le Volte 2009
Colore rubino luminoso, molto giovane e consistente. Si apre con un bouquet fresco e fruttato, unito a sentori marini, acciugosi e di origano, tutt’altro che banali. In bocca è molto composto, ripresenta la vinosità percepita al naso, con una buona spinta acida e una chiusura non lunghissima e che vira sull’amaro. Tannino impercettibile che rende l’approccio poco impegnativo ad un vino senza lode e senza infamia. Uno dei migliori supertuscan entry level (anche per il prezzo) pensato per essere onnipresente ed elegante compagno in tavola. Temo non sulla mia.

Share
12ce932a42" />