Back to Piemonte – parte 1

Dopo aver bevuto grandi bottiglie sicule quest’estate l’autunno è trascorso frenetico e pieno di impegni come ogni anno. Accade così che il ritorno ai grandi classici piemontesi sia un dovere, per sentirsi coccolati nella propria comfort zone.
Ecco alcune delle migliori bevute di fine estate e dell’autunno 2016 appena trascorso.

image
Cadia – Verduno Pelaverga 2015

Partiamo da una cena speciale di fine estate in quel di Verduno. La bottiglia in tavola non poteva che essere un Pelaverga. Oltre a quel campione di bontà e tradizione che è quello del Comm. Burlotto, ci sono molte altre firme interessanti per questa piccola denominazione, in costante crescita negli ultimi anni. Uno di questi è Cadia, azienda a conduzione famigliare con sede a Verduno che oltre ad un Barolo Monvigliero sempre più buono e sempre meno internazionale nel gusto, produce un grande Pelaverga.
Il 2015 è giustamente scarico di colore, già granata sull’unghia. Il naso ha una nota intensa e particolarissima di succo alla pesca. Uno dei rimandi olfattivi più netti che abbia mai sentito, anche a detta della mia commensale, soprattutto a bicchiere scolmo. Pare proprio di avere nel bicchiere un succo alla pesca o un vasetto di pesche sciroppate. In bocca ha un ingresso gemtile, lievemente tannico, decisamente spostato su sentori primari di frutti rossi. Un Pelaverga goloso, dalla facilità di beva disarmante. Bravi!

image

image
Manzone – Langhe Rossese Bianco Rosserto 2013

Ad inizio autunno abbiamo stappato un Rossese Bianco di Manzone. L’azienda del Castelletto di Monforte è tra le poche a vinificare questo raro vitigno che probabilmente è un omologo del Rossese Bianco ligure (Cinque Terre, ma anche ponente ligure). L’annata 2013, grandissima in Langa, regala un bianco di grande struttura e oggettivamente in fieri: chiunque ne abbia in cantina attenda a stappare senza preoccupazioni. Il dorato intenso e luminoso tardisce un passaggio in barrique fatto con guanti di velluto. Intendiamoci, il boisè si sente ma è un vanigliato di classe e già ben integrato col resto dei sentori tar cui spicca quello di mela golden. Il sorso è molto fresco, sapido e di buona carica aromatica, che sorregge l’allungo finale su note di frutti gialli ben maturi.

image

Marco Porello – Roero Arneis Camestrì 2015

Il Camestrì 2015 di Marco Porello è stato uno degli Arneis più interessanti di questo millesimo. È un’etichetta che non bevevo da alcuni anni e l’ultimo ricordo che ne avevo era di una versione un po’ caricaturale per un eccesso di legno in affinamento che tendeva a snaturare il vino con accenni di sentori tropicali, di banana. Con questo 2015 mi sono ricreduto: il paglierino intenso colora una materia di prim’ordine con sentori tipici di pesca e pera, floreale dolce di acacia. Un vino che è giustamente tornato ad essere sè stesso, un ottimo Roero Arneis.

image

image

Produttori del Barbaresco – Barbaresco Riserva Montestefano 2007

Ed eccolo il campione, in pieno autunno: Barbaresco Montestefano 2007 dei Produttori. Il cru è spesso accostato alla potenza da Barolo più che all’eleganza da Barbaresco. Non mi sento di allinearmi alla vulgata in questo caso perchè questo Montestefano 2007 è perfetto, un’espressione cristallina del Nebbiolo di Langa. Appena granato sul bordo bicchiere, rotea fluido e regala profumi di rosa rossa, alcol ben integrato nonostante l’annata calda, note di frutti rossi ben maturi, cenere. In bocca è ancor vigoroso nel tannino, che è fine, continuo e avbolge il palato. La sensazione calorica è ben accompagnata dai sentori fruttati e sapidi, con un finale fresco e pepato. Se ne avete cominciate a stappare con calma da ora e per il prossimo decennio, accompagnate con piatti di adeguata grassezza. Complimenti ai Produttori del Barbaresco, vini così (e a questo prezzo) fanno grande la Langa più vera.

Share

Enodiario da Marsala: Marco De Bartoli

image

La produzione di vini di qualità a Marsala negli ultimi decenni ha una punta di diamante che risponde al nome di Marco De Bartoli. Dalla cantina in Contrada Samperi escono veri e propri gioielli enologici, figli di un’appassionata ricerca del meglio che possono offrire le terre di Marsala e di Pantelleria. Tutto si deve al nome che campeggia in etichetta, quel Marco De Bartoli che testardo ad inizio anni ’80 rompe gli schemi e prova a produrre un Marsala diverso, percorrendo all’indietro la storia di quel vino, cercando di imitare quel leggendario perpetuum assaggiato dal comandante John Woodhouse non ancora fortificato. Nacque così il Vecchio Samperi, senza dubbio il vino simbolo della cantina, al quale poi si affiancarono i Marsala classici, quindi le interpretazioni del grillo secco tra cui spicca il Grappoli del Grillo, un rosso a base pignatello, il Rosso di Marco e poi gli spumanti metodo classico Terza Via prodotti con metodo solouva con ancora il grillo a farla da padrone, in assemblaggio al nero d’avola per il rosè.
E poi i vini di Pantelleria, incredibili interpretazioni dello zibibbo di Bukkuram, che potremmo definire la Romanèe Conti della piccola isola: il Sole d’Agosto e il Vigna del Padre.
Insomma la visita in contrada Samperi è imprescindibile: che si cammini tra i filari di grillo, che si guardi la vecchia cantina con botti decennali, che si rimanga seduti ad assaggiare i vini prodotti, non si può non respirare a pieni polmoni l’artigianalità, l’entusiasmo, l’amore per la terra che crea certi capolavori.
Un grande grazie va anche alla splendida Marilena Leta che ci ha accompagnati nel tour e nella degustazione, una donna simpatica e di rara competenza, brava!

image

image
Marco De Bartoli – Sicilia Metodo Classico Brut Nature Terzavia
Qui la scheda tecnica
Aprire la degustazione in cantina con questo metodo classico è un vero piacere, ovvio non pretendere la stoffa del campione da un metodo classico siculo, ma vi assicuro che é quanto di più lontano da certe versioni caricaturali. Un vino di territorio, in piena filosofia De Bartoli, con l’uva grillo a giocare sull’acidità, sui sentori di mela verde e di erba fresca.

image
Marco De Bartoli – Sicilia Grillo Vignaverde 2015
Qui la scheda tecnica
Il Grillo per eccellenza, nella versione più facile e beverina, l’alcol c’è ma è perfettamente integrato, i frutti a pasta chiara croccanti. Un vino estivo, di facile abbinamento con primi piatti e piatti di pesce, come se ne trovano in quantità nella miglior tradizione siciliana.
Vino da acquistare e bere senza troppi pensieri.

image
Marco De Bartoli – Sicilia Grillo Grappoli del Grillo 2014
Qui la scheda tecnica
Quando a inizio anni 90 De Bartoli decise di puntare sull’uva grillo ne uscì questa etichetta, una delle prime versioni secche in purezza. L’approccio borgognone originario con bâtonnage frequenti e legno piccolo è rimasto ma si è man mano addolcito negli anni, con un’uso più curato dei carati: oggi le barrique sia affiancano ai tonneaux e anche fusti più grandi. Già bevuto in altre occasioni, il 2014 ha ancora un piccolo sentore vanigliato da smaltire, per il resto è davvero interessante, fresco e pepato al naso, al palato mostra frutti gialli ben maturi, una spina acida che lo sorreggerà a lungo, molto sapido.
Da comprare e metter via qualche anno.

image

image
Marco De Bartoli – Vecchio Samperi
Qui la scheda tecnica
Il Vecchio Samperi è Marco De Bartoli. È la sua idea di vino di Marsala, quella per cui nacque la cantina e ne crebbe la fama. È il soleras prima che lo codificassero gli enologi e gli algoritmi del fare vino moderno. Ha il sapore del grillo maturato al sole rovente in contrada Samperi, in un bilanciamento mirabile tra sali, zuccheri e acidi. Un’esperienza totale. È l’essenza di Marsala più pura che esista.
Da acquistare in quantità e bere con calma negli anni a venire.

image
Marco De Bartoli – Marsala Vergine Riserva 1988
Un fuoriclasse tra i Marsala: molto secco, sensazioni di frutta secca ed agrumi, sale, centro bocca importante, così come il calore alcolico, finale interminabile. Il mio preferito dei tre Marsala provati.

image
Marco De Bartoli – Marsala Superiore Riserva 10 Anni
Qui siamo di fronte ad uno splendido esempio di Marsala classico di qualità. Bouquet ricco con sentori di frutta secca, legno antico, salmastro. Sorso importante, buon equilibrio acidi/zuccheri, finale molto lungo.

image
Marco De Bartoli – Marsala Superiore Oro Riserva 5 Anni Vigna La Miccia
Qui la scheda tecnica
Il colore è più luminoso dei precedenti, i sentori ossidativi meno evidenti e perfettamente integrati, profuma intensamente di nocciole tostate. Il sorso è snello, per il centro bocca saporito ma non pachidermico, per la sapidità evidente, per il tenore alcolico mai prevaricante. Un Marsala ideale per avvicinare un neofita alla tipologia.

image
Marco De Bartoli – Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d’Agosto 2013
Qui la scheda tecnica
Ricchissimo in ogni componente visiva, olfattiva, gustativa. Il pigmento color ambra è carico e con riflessi dorati. Il naso è un tripudio di sentori: miele, scorza d’agrume candita, caramello, cera d’api e moltissimi altri. Il sorso è avvolgente, dolce e mai stucchevole come solo uno zibibbo di Pantelleria sa essere, lascia un’aromaticità in bocca lunghissima. È il vino che più mi è piaciuto della batteria: memorabile.

image
Marco De Bartoli – Passito di Pantelleria Bukkuram Padre della Vigna 2008
Qui la scheda tecnica
Una versione ancor più complessa del Bukkuram Sole d’Agosto. Il Padre della Vigna affina 24 mesi in barrique, aggiungendo, se possibile, altri sentori in particolare la prugna secca e note tostate. Un grande vino dolce, capace di soprendere ad ogni inspirazione, ad ogni sorso.
Mi piace immaginare la mitologica ambrosia, di cui si cibavano gli dei immortali, simile ad un Passito di
Pantelleria, questo.

image

Marco De Bartoli
Contrada Fornara Samperi, 292
91025 Marsala (TP)
Tel. +39 0923 962093
Contrada Bukkuram, 9
91017 Pantelleria (TP)
Tel. +39 0923 918344

Share

Vacanze romane

image
Il vento di primavera mi ha portato qualche giorno a Roma dove, complice la salute precaria, ho assaggiato ben poco.
Un paio di punti fermi posso però metterli.
Il primo gastronomico: a Roma si mangia spesso, tanto e bene. Ai romani va riconosciuta la capacità del mondo contadino di un tempo di inventarsi piatti con poche risorse. Con quattro ingredienti ci fanno un menù: pasta, guanciale, pecorino, carciofi. E vai quindi di cacio e pepe, gricia, amatriciana, carbonara, carciofo alla romana e alla giudia.
In ottica mangereccia verace gli indirizzi romani davvero imperdibili sono due: Armando al Pantheon e Felice a Testaccio, ai quali aggiungerei in seconda battuta Da Enzo al 29 e Da Cesare al Casaletto.
Il secondo punto è che a Roma si beve molto peggio rispetto a come si mangia. Accanto a una noiosa lista di modernissimi Merlot e Cabernet più californiani che laziali, si trovano pochi autoctoni seri: il Grechetto e la Malvasia Puntinata (vedi quelli di Tenuta Le Quinte), l’Aleatico (vedi quello di Andrea Occhipinti) e il fuoriclasse Cesanese. Proprio di quest’ultimo i riferimenti per me sono i biodinamici di La Visciola e quelli di Damiano Ciolli. Entrambi producono dei Cesanese dal profilo leggero e votato alla bevibilità mentre molti produttori insistono con dubbie interpretazioni pachidermiche.
È stato coup de coeur con il Cesanese Silene 2014 di Damiano Ciolli, già sentito poco tempo fa al banchetto di Sorgentedelvino ma che ha trovato nella cucina di Armando al Pantheon la quadratura del cerchio.

image
Damiano Ciolli – Cesanese Silene 2014
Nonostante sia il Cesanese base lo preferisco al più strutturato Cirsium, affinato in legno. Il Silene fermenta in acciao a temperatura controllata, affina un anno in cemento sulle fecce fini, viene imbottigliato e fatto riposare altri 6 mesi prima della vendita.
È rubino, scarico e limpido, profuma di frutti rossi maturi, macchia mediterranea, pepe. In bocca ha un ingresso gentile, mostra poi la spina acida, un centro bocca saporito e sapido, chiude in breve con ancora sentori di macchia. Un rosso fresco e per nulla banale, un’ottima conferma per quanto mi riguarda.

image

Share

Della sera in cui la Barbera Monleale del tortonese asfaltò Asti e Alba

image

image

Vigneti Massa – Colli Tortonesi Monleale 2009

image

Giacomo Conterno – Barbera d’Alba Cascina Francia 2011

image

Coppo – Barbera d’Asti Pomorosso 2011

image

Olim Bauda – Barbera d’Asti Superiore Nizza 2011

image

Marchesi Alfieri – Barbera d’Asti La Tota 2013

image

Vietti – Barbera d’Alba Tre Vigne 2013

Share

Diffidate di chi fa troppi vini

image

Qualche tempo fa mi sono trovato a discutere con un noto produttore di Langa sul perchè preferisco chi produce poche tipologie di vino. Mi spiego meglio: mettiamo che io abbia a disposizione 10 ettari vitati, avrò molto probabilmente tre o quattro varietà d’uva piantate su questi, si spera autoctone o per lo meno scelte in base a quelle che danno i migliori risultati nella zona. Questo vuol dire che se non decido di produrre un blend, le vinificherò separatamente per averne tre o quattro vini diversi. Benissimo, direi. Ma come la mettiamo con chi ha 10 varietà d’uva e anzichè tre o quattro vini ne produce 15?
una bollicina non dosata
una bollicina dosata
una bollicina rosè
un bianco in acciaio
un bianco in legno
un rosè (vuoi farti mancare il rosè??)
un rosso solo acciaio
un rosso in barrique
un rosso in botte grande
un rosso superiore riserva speciale affinato mille anni in legno del cretaceo
un bianco dolce
uno spumante dolce
un passito da uve bianche
un passito da uve rosse (lascia fare…)
un vino liquoroso

Io quando mi trovo di fronte a una simile lista di vini dubito delle capacità del produttore e glielo dico. Puoi anche essere un vignaiolo con tanti bravi collaboratori ma nessuno potrà mai convincermi che poni la stessa cura nel fare 15 vini anzichè tre o quattro. Semplicemente per una questione di numeri, di tempo dedicatogli, perchè nonostante tutti i tuoi sforzi la giornata dura per tutti 24 ore e un anno 365 giorni. Mi vien anche da pensare, di fronte a certi cataloghi con decine di pagine per presentare tutta la linea di produzione della cantina, che il produttore non abbia le idee ben chiare su quale direzione seguire. Magari negli anni ha provato a produrre diversi tipi di vino per vedere i risultati, ben venga il mettersi continuamente in gioco, ma manca la fase successiva, quella in cui si decide quali vini sono degni di esser fatti e quali no.
Queste lenzuolate di etichette che vedo spesso in giro sono figlie della mancanza di coraggio nel dirsi che certi vini si fanno solo perchè sono la moda del momento (ad esempio bollicine e rosè) oppure perchè ormai si è acquisita una clientela di affezionati a quel vino, che in realtà è una ciofeca ma piace tanto all’asiatico di turno.
La cura e la capacità di migliorarsi nell’affrontare annualmente la sfida con pochi vitigni/vini è la base per crescere ed affermarsi. Pensateci bene la prossima volta che visitate un produttore e volete acquistare i suoi vini, siete di fronte a un’ottima cantina quando seguono la regola aurea della semplicità: poche etichette – grande cura. Meno di 15 in linea di massima, molto meglio se meno della metà.
Less is more diceva qualcuno tempo fa. E secondo me aveva ragione.

Share

Io, Barolo la Nuit 2015: tre grandi Barolo da comuni minori

image
La sera del 30 maggio 2015, a fine primavera, il Castello di Roddi ospitava l’annuale evento del consorzio Strada del Barolo: Io, Barolo la Nuit 2015.

image
Tra i castelli di Langa quello di Roddi è uno dei meno conosciuti ma al contempo uno dei più affascinanti, merita certamente una sosta. A fine maggio nel cortile del Castello la degustazione (informale) chiedeva già le maniche corte e i tigli in fiore addolcivano l’aria dell’estate alle porte. Decine i produttori partecipanti e vini in libera degustazione. Tutti (o quasi) allineati nel presentare al banchetto l’ultimo nato, il loro Barolo 2011.
Annata buona, che ha dato vini dal facile approccio anche in gioventù, con il frutto maturo ben in evidenza. I Barolo 2011 sono splendidi da bere ora e nel prossimo decennio ma generalmente non hanno la caratura per sfidare il tempo come nei grandi millesimi. La caratteristica interessante della degustazione era che molti Barolo provenivano da tre comuni minori della denominazione: Novello, Verduno, Roddi. Fa bene di tanto in tanto ricordare che accanto ai cinque paesi più noti (Castiglione Falletto, La Morra, Barolo, Monforte, Serralunga) ne troviamo altri sei (Novello, Verduno, Roddi, Grinzane Cavour, Diano, Cherasco).
Sul sito del Consorzio di Tutela si trovano tutte le informazioni riguardandi la denominazione ma per un focus dettagliato sulla zona del Barolo e sui suoi cru affidatevi al nuovo libro MGA di Masnaghetti, una vera Bibbia sul tema.
Io nel mio piccolo vi segnalo tre assaggi di splendidi Barolo 2011 da vigneti in Novello, Roddi e Verduno.

image
Cadia – Barolo Monvigliero 2011
Barolo di Verduno fino al midollo, di grandissima finezza, giocato su un’estrazione del frutto millimetrica. Entra in bocca avvelgendola con un frutto scuro, molto saporito, vena sapida, tannino ancor vigoroso e minuto, lunga persistenza.

image
Negretti – Barolo Mirau 2011
Arriva dal Bricco Ambrogio di Roddi uno dei Barolo che più rimandano all’uva mai bevuti. Il frutto in bocca è ancora masticabile, muscolare, legno non percepito. Più esuberante e meno preciso del precedente è giocato su una vincente semplicità. A tavola potrà accompagnare il cibo con una disinvoltura inusuale per un Barolo.

image
Le Strette – Barolo Corini Pallaretta 2011
Prima uscita per questo Barolo e probabilmente la prima vinificazione separata di sempre per questo vigneto di Novello.
La materia è tanta ma di qualità eccelsa, ha ancora una quota di legno da saldare e poi sarà puro godimento. Frutti ben maturi, tannino grintoso e una scia minerale per un allungo gustosissimo. Una grande scoperta, da comprare a mani basse.

Share

Enodiario da Santorini: Domaine Sigalas

Enodiario da Santorini: Domaine Sigalas

Tra i produttori di vino di Santorini ho scelto di visitare Domaine Sigalas, una certezza. Arrivare alla cantina non è così semplice perchè la segnaletica sull’isola benchè presente sulla strada principale, appena ci si avventura in strade secondarie è pressochè inesistente. E le scritte in alfabeto greco certo non aiutano!
La cantina si trova nella parte nord dell’isola, nel comune di Oia. Per arrivarci dalla costa di Oia si va a Finikia (a est di Oia) e si punta verso l’entroterra, altrimenti se si è dal lato opposto si va a Paradisos e si procede verso sud nell’entroterra.

image
L’azienda è di recente fondazione (1991) nata come realtà familiare, dal 1998 si è trasferita nell’attuale nuova sede, costruita nella piana di Oia. La proprietà oggi conta 27 ettari vitati e una produzione di 300000 bottiglie ed è un riferimento per la produzione vinicola di qualità di Santorini.
Nella mia visita ho assaggiato nello splendido dehor vista vigneti tutta la loro produzione, eccone il resoconto. Yamas!

image

Cyclades PGI Aidani 2014
Aidani 100%
Giallo paglierino, al naso è aromatico, fruttato di pesca e melone. Il sorso è leggero, intensamente fruttato e abbastanza sapido, è un’uva aromatica vinificata secca, ricorda un Muscat de Chambave. Vino ben fatto ma non lo comprerei.

Santorini PDO Assyrtiko – Athiri 2014
Assemblaggio di Assyrtiko 75% e Athiri 25%
Qui ci siamo, è paglierino con riflessi verdolini, il bouquet è di frutti bianchi e minerale. In bocca è di buon corpo, ancora fruttato e salino, molto gustoso e di grande persistenza. Ricorda un Gavi di quelli fatti bene, è il miglior rapporto qualità/prezzo di Sigalas: comprare in quantità.

Santorini PDO Santorini 2014
Assyrtiko 100%
Il vino bestseller del Domaine: il colore è paglierino, profuma di mela, agrumi e uvaspina. In bocca ha carattere, corposo, con vena acida e salina ben evidenti, grande allungo finale. Il 2014 è certamente giovane, crescerà rimanendo in bottiglia: comprare in quantità e stappare con calma.

Santorini PDO Kavalieros 2014
Assyrtiko 100%
L’Assyrtiko single vineyard di Sigalas è il vino più ambizioso del Domaine. L’uva è frutto di vigneti di oltre 60 anni d’età, viene vinificata separatamente e le fecce fini mantenute in sospensione per 18 mesi. Il paglierino è più intenso del precedente, al naso una riduzione iniziale lentamente si defila lasciando esprimere note di solvente, citrine, di erba fresca e minerali. Alla beva fonde acidità e sale in un’unica sensazione, facendo salivare come pochi altri vini. Ricorda uno Chablis, del quale ha anche le stesse ottime prospettive di longevità. Costa circa il doppio dell’Assyrtiko classico e solo per questo è da comprare con parsimonia e stappare con molta calma.

Santorini PDO Santorini Barrel 2014
Assyrtiko 100%
Qui non ci siamo, da quel poco che ho capito l’Assyrtiko e non gradisce fare legno e quindi i 6 mesi in barriques (seppur di ottima qualità) aggiungono solamente sentori vanigliati e nocciolati. A qualcuno potrebbe piacere, a me no, essendo oltretutto più caro dell’Assyrtiko classico.

Santorini PDO Nychteri 2014
Assyrtiko 100%
Il Nychteri è un’indicazione che troverete spesso in etichetta sui vini greci e potrebbe essere tradotto come vendemmia tardiva. In questo caso l’Assyrtiko in purezza lasciato appassire viene fermentato ed affinato sui propri lieviti per 30 mesi. Nel bicchiere è giallo dorato brillante, il bouquet è ampio e in continua evoluzione: miele, pesca gialla, frutta secca. In bocca il residuo zuccherino è minimo e comunque non disturba il sorso, andando a bilanciare l’acidità ancora viva. Il finale è interminabile. Un vino di grande personalità, difficilmente abbinabile se non con formaggi erborinati. Da comprare con parsimonia (quasi 30 euro ma li vale tutti) e dimenticare in cantina.

Cyclades PGI Ean 2014
Mavrotragano 100%
Un rosè che mi ha lasciato un pessimo ricordo: a parte il rosa cerasuolo brillante e un discreto naso fatto di piccoli frutti rossi, pepe e anidride solforosa(!) alla beva è esageratamente acido, manca di corpo e non ha persistenza. Stare alla larga.

Table Wine Apoplous
Mandilaria – Agiorgitiko
Di male in peggio: leggermente più colorato del precedente, profuma di ciliegie, note vegetali e anche qui solforosa(!) In bocca se possibile è ancor più acido del precedente, tannico, decisamente scomposto. Stare alla larga.

Cyclades PGI Mm 2013
Mavrotragano 60% Mandilaria 40%
Un blend dal profilo internazionale, è  color porpora, al naso arriva una mora ben matura e la viola, in bocca è di buon corpo, fresco e fruttato, ha un tannino vivo e di ottima fattura. Un rosso piacevole ma anche c’è una nota di anidride solforora un po’ fuori registro. Buono ma a Santorini c’è di meglio.

Cyclades PGI Mavrotragano 2013
Mavrotragano 100%
Bevuto in purezza in Mavrotragano dimostra di essere l’uva rossa isolana su cui scommettere. Questo 2013 di Sigalas sconta una vinificazione e affinamento in legno oggi ancor coprenti rispetto all’ottima materia prima fatta di frutti scuri maturi, tannino fine e continuo, un finale minerale e molto lungo. Un vino che sicuramente crescerà. Non sarà il bestseller dell’isola (come tutti i rossi) ma è un ottimo vino.

Santorini PDO Vinsanto 2005
Assyrtiko 75% Aidani 25%
Il giallo ambrato di questi Vinsanto è spettacolare, il bouquet è complesso e in continuo mutamento: fichi e albicocche appassite, sentori nocciolati, zafferano e miele. Il sorso è gustosissimo anche se un po’ frenato dal resuduo zuccherino, in questa fase ancora dominante. Comprare con parsimonia (30 euro la mezzina) e dimenticare in cantina.

Cyclades PGI Apiliotis 2009
Mandilaria 100%
Questo è un vino da bollino rosso: trattasi di passito da uve rosse con un residuo zuccherino da diabete istantaneo e null’altro. Sui miei appunti ho segnato un da evitare assolutamente che mi sembra dica tutto.

image

Share

Non mi è piaciuto un Barolo di Giuseppe Mascarello. Si può dire vero?

Non mi è piaciuto un Barolo di Giuseppe Mascarello. Si può dire vero?

Premessa: che dalla cantina Giuseppe Mascarello siano usciti (e continuino ad uscire) grandi vini è chiaro a tutti, basta citare il Monprivato per far scattare la scintilla in ogni vero amante del Barolo; ne è conferma l’entusiasmante verticale che poco tempo fa gli ha dedicato il team di Winezone nel Castello di Barolo.
Detto questo ho bevuto più volte il loro Barolo base 2009, che esce con la dicitura Barolo Dai Vigneti di Proprietà e sono rimasto davvero deluso. Ovvio non è uno dei loro single vineyard (Villero, Santo Stefano di Perno, Monprivato) ma viene prodotto unendo le uve di questi tre in annate minori, tra cui la 2009 di cui parlo qui. È uscito sul mercato alla modica cifra di 40 euro ed è andato esaurito in breve tempo, un po’ come tutti i vini del produttore. Un piccolo scandalo se penso ad alcuni Barolo 2009, francamente molto più buoni di questo e venduti a fatica nonostante un prezzo molto inferiore. Un chiaro esempio di acquirenti di etichette anzichè di vino.
image
Giuseppe Mascarello – Barolo Dai Vigneti di Proprietà 2009
Il colore è classico e invitante, rubino scarico e luminoso, di media consistenza. Il naso pare subito in difficoltà, scarno: ciliegia sotto spirito e poco altro. Anche in bocca il frutto stenta ad emergere, poca polpa accanto ad un tannino secco ed asciugante. In definitiva, per il sottoscritto una bella delusione.
È proprio questo l’aspetto che mi piace meno dei loro vini, perchè accanto a capolavori assoluti si trovano vini che non hanno alcuna giustificazione per il prezzo che hanno, come con questo Barolo 2009 Dai Vigneti di Proprietà. E la costanza qualitativa non è un fattore secondario perchè fa di un buon produttore un grande produttore e soprattutto mi dà sicurezza nel metter mano al portafogli per acquistarne il vino.

Share

De Roerum Natura

image
La situazione del Roero, il vino rosso a base Nebbiolo della sinistra Tanaro, oggi è un groviglio in cui si fatica a trovare il bandolo della matassa. Nonostante i dieci anni trascorsi dall’ottenimento della DOCG, questa denominazione stenta a fasi strada tra gli scaffali delle enoteche e sulle tavole, come dimostra l’esiguo numero di produttori roerini intenti a vendere il proprio Nebbiolo come Roero.
Su slowine.it (sito sempre più ben fatto) Michele Antonio Fino ha fatto il punto sulla possibilità che per far fronte a questo venga introdotta in etichetta, oltre alla scritta Roero, la dicitura ottenuto da uve Nebbiolo.
Amo il Roero e proprio per questo da un po’ di tempo mi sono fatto una mia opinione sulla situazione, partendo dal punto di vista più importante sulla vicenda, quello del consumatore.
Immaginatevi di fronte ad uno scaffale con diverse bottiglie di vino, prendiamo ad esempio quelli a base Nebbiolo piemontesi per fare un confronto tra i vicini del Roero in questione: Barolo, Barbaresco, Gattinara, Ghemme. Il nostro parte subito svantaggiato perchè gli altri sono tutti paesi, i nomi richiamano chiaramente il luogo di provenienza e, pur includendo altri comuni limitrofi nel disciplinare, identificano chiaramente la zona produttiva. Chiunque ad esempio può inserire il nome del vino Barolo su Google Maps e trovare il cuore della denominazione. Non è cosa da poco, soprattutto se abitate nell’altro emisfero. Ed infatti i dati delle vendite parlano chiaro: se si vuole vendere vino di qualità (con un prezzo adeguato che ripaghi degli sforzi) bisogna sempre più oltrepassare i confini nazionali: qui chi capirà una simile dicitura cervellotica tra mille etichette francesi, spagnole, cilene, australiane? Pensiamo davvero che il consumatore estero sappia tradurre la dicitura ottenuto da uve Nebbiolo?
La parola Nebbiolo è quella fondamentale perchè identifica il vitigno con cui è fatto il vino, è nota e permette un riconoscimento sicuro da parte del consumatore di ciò che c’è nella bottiglia. Nell’ottica vincente del less is more perchè diavolo scrivere Roero ottenuto da uve Nebbiolo quando basterebbe scrivere Roero Nebbiolo? Semplice ed efficace, un’ottima soluzione.
Sarebbe un buon punto di partenza per aiutare le vendite quello di sfruttare il nome del vitigno d’origine, magari ammettendo la facoltà del produttore di scegliere se scrivere Roero o Roero Nebbiolo.
Riportare in etichetta Nebbiolo inoltre, non è come scrivere ad esempio Pinot Noir: di quest’ultimo vitigno se ne trovano moltissime bottiglie prodotte fuori dalla zona d’origine, dagli States all’Australia, e in alcuni casi con ottimi risultati, ma sfido a elencarmi i nomi di buoni Nebbiolo prodotti al di fuori dalle nostre tre regioni vocate (Piemonte, Val d’Aosta e Valtellina).
Potrebbe essere l’occasione per mettere mano ad un disciplinare che è da rivedere anche in altri punti. Andrebbe finalmente introdotto il monovarietale sia per quando riguarda il Roero Arneis (uva Arneis) che per il Roero (uva Nebbiolo), oggi ancora legati ad un anacronistico 95%.
Si potrebbe dare il giusto tempo di maturazione al Roero Arneis consentendone la messa in commercio non prima della primavera successiva all’anno di vendemmia. (Ne scrivevo qui).
La questione più importante è far crescere la fiducia dei produttori nelle potenzialità del Roero, credendoci profondamente. Oggi chi crede nel Roero? Semplice: chi produce i vini di questo territorio rivendicandolo in etichetta con le due denominazioni Roero e Roero Arneis. Chi non ci crede invece sono i produttori roerini che non le rivendicano affatto, oppure che oltre a queste producono vini di denominazioni oggi più spendibili sul mercato: Barolo, Barbaresco, Moscato d’Asti, Gavi. Per far crescere un territorio bisogna camminarci sopra con entrambi i piedi ben saldi. Troppo comodo avere un piede di qua e uno di là dal Tanaro.

Share

Siate assetati, siate curiosi!

Siate assetati, siate curiosi!

La maggior parte delle mie visite in cantina sono terminate giustamente con l’assaggio (e l’acquisto) nella sala degustazione, ammesso che esista. Spesso mi è capitato proprio in questi luoghi di vedere che il padrone di casa teneva esposte in bella vista come trofei i vetri che contenevano le migliori bevute della sua vita. E altrettanto spesso mi sono cadute le braccia nel vedere che non aveva la bottiglia di alcun produttore oltre ai suoi vini. Possibile? Nessun vino bevuto degno di ergersi al pari dei suoi capolavori? Ebbene sì, un po’ presuntuoso ma c’è di peggio: ho incontrato produttori che non hanno cultura del vino, a prescindere dall’esporre o meno memorie di grandi bevute in sala degustazione. Produttori che non conoscono nemmeno i fondamentali: inutile parlagli ad esempio dei grandi rossi da Sangiovese, Nebbiolo e Aglianico o dei bianchi da Verdicchio e Fiano. Nulla. Vuoto pneumatico. E mi è successo non solo in zone minori per la viticoltura ma anche nella tanto decantata Langa.
Tutto ciò non vuol affatto dire che questi non possano fare un buon vino, questo vale soprattutto per un mestiere artigianale, tramandato da padre in figlio, ma una minima apertura al mondo d’oggi è fondamentale. Come in ogni forma d’arte ci sono dei capi saldi imprescindibili. Non si può fare un grande vino senza esserne appassionati. Ed essere appassionati di vino, esserne cultori oggi in Italia, è anzitutto essere amanti della diversità. Il nostro orgoglio sono la miriade di piccole produzioni che sopravvivono e permettono di non omologare il gusto del vino. Cose che gran parte del mondo ci invidia.
D’altro canto ho conosciuto per fortuna produttori fortemente appassionati di vino, maniacali in alcuni casi. Stupendo è quando vai da loro e ti fanno anche assaggiare la bottiglia di un altro vignaiolo. Qui capisci che c’è cultura, non si ha paura del confronto e non ci si chiude nel proprio orticello. Qui c’è volontà di crescere, di capire cosa c’è di buono e cosa no nei vini dei colleghi. Volete fare un grande vino? Siate curiosi. Viaggiate per conoscere altri lidi e altre culture e quando siete lì provate i loro prodotti. Perchè è incontrando ciò che non conosciamo che si cresce, perchè nessuno si salva da solo.

Share
12ce932a42" />