I migliori vini bevuti nel 2015

image
Eccoci all’annuale lista dei migliori assaggi di questo 2015 che volge al termine. Tre nomi secchi, tre grandi vini.

image
Qui il POST
La bollicina del 2015 è quella fine e giocosa del Lambrusco Radice 2013 di Paltrinieri, rifermentato in bottiglia. Secco, decisamente fresco, con sentori d’agrumi e frutti rossi croccanti. Un Lambrusco di Sorbara con gli attributi, a meno di 10 euro.

image
Qui il POST
Il bianco dell’anno è un incredibile assaggio fatto su quel lembo di roccia vulcanica nell’Egeo chiamata Santorini, dove nell’estate 2015 ho lasciato un pezzo di cuore: il Nychteri 2014 di Domaine Sigalas. Un vino da vendemmia tardiva di uve Assyrtiko, lasciato affinare 30 mesi sui propri lieviti con bâtonnage. Al fruttato maturo si unisce una sapidità intensa, è morbido e salato, in equilibrio perfetto. Sui 30 euro, ben spesi.

image
Qui il POST
Sarà genetica, sarà provincialismo, ma il rosso dell’anno è ancora una volta un nebbiolo, questa volta della Valle d’Aosta: il clamoroso Donnas Vieilles Vignes 2010 della Cave de Donnas. Un nebbiolo di montagna, di un’eleganza mai riscontrata nei valdostani fin’ora, dal sorso saporito e sapido, lunghissimo. Costa circa 15 euro ma dato il numero esiguo di bottiglie prodotte pare ormai irreperibile.
A metà gennaio sarò in Valle e Cave de Donnas è già nel mirino.

AUGURI!!!

Share

Lambrusco di Sorbara Radice di Paltrinieri

Da un paio di giorni siamo nel panico perchè l’OMS ha inserito la carne rossa lavorata nella categoria dei cibi cancerogeni. Addio insaccati, salumi di ogni tipo, culatello, mortadella e quant’altro. Insomma una vera tragedia ma io abito in Piemonte e quindi posso solo immaginare i pensieri che passano nella testa di chi abita nel tringolo del maiale tra Parma, Modena e Mantova. Una terra con prodotti enogastronomici di livello mondiale, tristemente in balia delle fobie che fanno oscillare il mercato. Accadde anche per il vino di quelle terre, il Lambrusco, relegato a vino da discount di quart’ordine, venduto a prezzi da fame, si è guadagnato la brutta fama di vino scadente.
Ma i tempi cambiano ed oggi non ci si deve più vergognare a portare una buona bottiglia di Lambrusco ad una cena fra amici. Buona, è ovvio, perchè le ciofeche da discount non sono certo sparite (ma d’altronde trovate anche il Barolo a €9.99).
Nel caso vogliate tentare l’esperimento questo è uno dei Lambusco che preferisco, una vera istituzione: il Radice di Paltrinieri.

image
Paltrinieri – Lambrusco di Sorbara Radice 2013
Il Radice 2013 è rosa tenue da manuale AIS, con una bolla abbastanza fine e continua, profuma di fruttini rossi freschi, viola ed agrumi. In bocca non è arrotondato dal residuo zuccherino che spesso si trova nei Lambrusco facili, è secco, molto fresco e la bolla si fa sentire. Se non fosse per la leggerezza del sorso, ci si confonderebbe facilmente con un rosè metodo classico ben più blasonato, anche perchè lascia una invidiabile scia salata sul finale. Insomma questo Sorbara in purezza costa circa 8 euro ed è un best buy clamoroso.

P.S. Anche l’alcol è nella lista dell’OMS da un bel pezzo, però non c’è mai uno a ricordare che è la dose a fare il veleno.

Share
12ce932a42" />