Enodiario da Marsala: Marco De Bartoli

image

La produzione di vini di qualità a Marsala negli ultimi decenni ha una punta di diamante che risponde al nome di Marco De Bartoli. Dalla cantina in Contrada Samperi escono veri e propri gioielli enologici, figli di un’appassionata ricerca del meglio che possono offrire le terre di Marsala e di Pantelleria. Tutto si deve al nome che campeggia in etichetta, quel Marco De Bartoli che testardo ad inizio anni ’80 rompe gli schemi e prova a produrre un Marsala diverso, percorrendo all’indietro la storia di quel vino, cercando di imitare quel leggendario perpetuum assaggiato dal comandante John Woodhouse non ancora fortificato. Nacque così il Vecchio Samperi, senza dubbio il vino simbolo della cantina, al quale poi si affiancarono i Marsala classici, quindi le interpretazioni del grillo secco tra cui spicca il Grappoli del Grillo, un rosso a base pignatello, il Rosso di Marco e poi gli spumanti metodo classico Terza Via prodotti con metodo solouva con ancora il grillo a farla da padrone, in assemblaggio al nero d’avola per il rosè.
E poi i vini di Pantelleria, incredibili interpretazioni dello zibibbo di Bukkuram, che potremmo definire la Romanèe Conti della piccola isola: il Sole d’Agosto e il Vigna del Padre.
Insomma la visita in contrada Samperi è imprescindibile: che si cammini tra i filari di grillo, che si guardi la vecchia cantina con botti decennali, che si rimanga seduti ad assaggiare i vini prodotti, non si può non respirare a pieni polmoni l’artigianalità, l’entusiasmo, l’amore per la terra che crea certi capolavori.
Un grande grazie va anche alla splendida Marilena Leta che ci ha accompagnati nel tour e nella degustazione, una donna simpatica e di rara competenza, brava!

image

image
Marco De Bartoli – Sicilia Metodo Classico Brut Nature Terzavia
Qui la scheda tecnica
Aprire la degustazione in cantina con questo metodo classico è un vero piacere, ovvio non pretendere la stoffa del campione da un metodo classico siculo, ma vi assicuro che é quanto di più lontano da certe versioni caricaturali. Un vino di territorio, in piena filosofia De Bartoli, con l’uva grillo a giocare sull’acidità, sui sentori di mela verde e di erba fresca.

image
Marco De Bartoli – Sicilia Grillo Vignaverde 2015
Qui la scheda tecnica
Il Grillo per eccellenza, nella versione più facile e beverina, l’alcol c’è ma è perfettamente integrato, i frutti a pasta chiara croccanti. Un vino estivo, di facile abbinamento con primi piatti e piatti di pesce, come se ne trovano in quantità nella miglior tradizione siciliana.
Vino da acquistare e bere senza troppi pensieri.

image
Marco De Bartoli – Sicilia Grillo Grappoli del Grillo 2014
Qui la scheda tecnica
Quando a inizio anni 90 De Bartoli decise di puntare sull’uva grillo ne uscì questa etichetta, una delle prime versioni secche in purezza. L’approccio borgognone originario con bâtonnage frequenti e legno piccolo è rimasto ma si è man mano addolcito negli anni, con un’uso più curato dei carati: oggi le barrique sia affiancano ai tonneaux e anche fusti più grandi. Già bevuto in altre occasioni, il 2014 ha ancora un piccolo sentore vanigliato da smaltire, per il resto è davvero interessante, fresco e pepato al naso, al palato mostra frutti gialli ben maturi, una spina acida che lo sorreggerà a lungo, molto sapido.
Da comprare e metter via qualche anno.

image

image
Marco De Bartoli – Vecchio Samperi
Qui la scheda tecnica
Il Vecchio Samperi è Marco De Bartoli. È la sua idea di vino di Marsala, quella per cui nacque la cantina e ne crebbe la fama. È il soleras prima che lo codificassero gli enologi e gli algoritmi del fare vino moderno. Ha il sapore del grillo maturato al sole rovente in contrada Samperi, in un bilanciamento mirabile tra sali, zuccheri e acidi. Un’esperienza totale. È l’essenza di Marsala più pura che esista.
Da acquistare in quantità e bere con calma negli anni a venire.

image
Marco De Bartoli – Marsala Vergine Riserva 1988
Un fuoriclasse tra i Marsala: molto secco, sensazioni di frutta secca ed agrumi, sale, centro bocca importante, così come il calore alcolico, finale interminabile. Il mio preferito dei tre Marsala provati.

image
Marco De Bartoli – Marsala Superiore Riserva 10 Anni
Qui siamo di fronte ad uno splendido esempio di Marsala classico di qualità. Bouquet ricco con sentori di frutta secca, legno antico, salmastro. Sorso importante, buon equilibrio acidi/zuccheri, finale molto lungo.

image
Marco De Bartoli – Marsala Superiore Oro Riserva 5 Anni Vigna La Miccia
Qui la scheda tecnica
Il colore è più luminoso dei precedenti, i sentori ossidativi meno evidenti e perfettamente integrati, profuma intensamente di nocciole tostate. Il sorso è snello, per il centro bocca saporito ma non pachidermico, per la sapidità evidente, per il tenore alcolico mai prevaricante. Un Marsala ideale per avvicinare un neofita alla tipologia.

image
Marco De Bartoli – Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d’Agosto 2013
Qui la scheda tecnica
Ricchissimo in ogni componente visiva, olfattiva, gustativa. Il pigmento color ambra è carico e con riflessi dorati. Il naso è un tripudio di sentori: miele, scorza d’agrume candita, caramello, cera d’api e moltissimi altri. Il sorso è avvolgente, dolce e mai stucchevole come solo uno zibibbo di Pantelleria sa essere, lascia un’aromaticità in bocca lunghissima. È il vino che più mi è piaciuto della batteria: memorabile.

image
Marco De Bartoli – Passito di Pantelleria Bukkuram Padre della Vigna 2008
Qui la scheda tecnica
Una versione ancor più complessa del Bukkuram Sole d’Agosto. Il Padre della Vigna affina 24 mesi in barrique, aggiungendo, se possibile, altri sentori in particolare la prugna secca e note tostate. Un grande vino dolce, capace di soprendere ad ogni inspirazione, ad ogni sorso.
Mi piace immaginare la mitologica ambrosia, di cui si cibavano gli dei immortali, simile ad un Passito di
Pantelleria, questo.

image

Marco De Bartoli
Contrada Fornara Samperi, 292
91025 Marsala (TP)
Tel. +39 0923 962093
Contrada Bukkuram, 9
91017 Pantelleria (TP)
Tel. +39 0923 918344

Share

Enodiario da Marsala: storia e disciplinare di produzione

Tra i tanti vini ri-scoperti nel mondo dei winelovers non può mancare il Marsala. Vino della Sicilia occidentale dalla tradizione centenaria che trae le sue origini dal perpetuum, un vino ossidativo prodotto dai contadini marsalesi già prima del 1700. Il vino in questione era prodotto aggiungendo vino nuovo a quello contenuto nella stessa botte da cui si era prelevato il necessario per l’anno precedente, un metodo simile al soleras (Porto, Sherry).

image

Il Marsala moderno nacque però con l’arrivo del commerciante inglese John Woodhouse nel porto cittadino il quale nel 1773 approdò con la nave su cui viaggiava nel porto di Marsala. Durante la sosta egli ebbe modo di bere il vino prodotto nella zona, il perpetuum appunto, che trovò simile ai vini spagnoli e portoghesi molto richiesti in quel periodo in Inghilterra (in particolare il Madeira). Decise dunque di trasportare in patria alcuni barili di perpetuum dopo averlo fortificato con acquavite di vino per renderlo stabile ed in grado di affrontare il viaggio in mare. Fu il primo Marsala moderno. Giunto in Inghilterra il vino ebbe grande successo sia perchè incontrava il gusto del tempo sia per il suo prezzo conveniente.
Iniziò così un secolo di creazione di stabilimenti produttivi e crescita quantitativa del vino Marsala. Tra i produttori più importanti, oltre a Woodhouse, Ingham & Whitaker, Florio, Don Diego Rallo, Vito Curatolo Arini, Carlo Pellegrino.

La fortuna del vino Marsala ha conosciuto alterne vicende: dopo i fasti del 1800 una grave crisi attraversò la città e il suo vino dopo la prima guerra mondiale soprattutto per l’operare di commercianti privi di scrupoli che sfruttavano la fama del Marsala per vendere prodotti di qualità scadente. Per questo, già nel 1931 venivano mossi i primi passi verso una legislazione che proteggesse il Marsala originale dalle imitazioni e che ne circoscrivesse la zona di produzione, e fu tutelato dal governo con un decreto ministeriale Acerbo e Bottai (15 ottobre 1931).
Il vino Marsala è stato il primo vino DOC della storia vinicola italiana. Un grande orgoglio per quanti lo producono e per tutto il territorio è stato infatti il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata nel 1969.

Il disciplinare odierno consente la produzione di Marsala con uve provenienti dall’intera provincia di Trapani ad esclusione dei comuni di Alcamo, Favignana e Pantelleria.

La denominazione Marsala è ampia e ben descritta nelle sue varietà da questa piramide.

image

La prima distinzione è in base al metodo di vinificazione e invecchiamento:
Marsala Vergine derivato da sole uve bianche e addizionato, dopo la fermentazione, con solo etanolo di origine vitivinicola e/o acquavite di vino; il Marsala Vergine deve essere sottoposto ad invecchiamento con il metodo soleras per arrivare ad essere commercializzato nei tipi
Marsala vergine con invecchiamento di almeno cinque anni;
Marsala Vergine Riserva con invecchiamento di almeno dieci anni.

Marsala Conciato a cui, dopo la fermentazione, è stato aggiunto:
• etanolo
• mosto cotto, che influirà sugli aromi ed il colore del vino
mistella: una miscela di mosto d’uva tardiva che influisce sul grado zuccherino e sui profumi, e mosto concentrato per conferire maggiore morbidezza ai quali si aggiunge etanolo per bloccare la fermentazione.
Il Marsala conciato deve essere anche esso sottoposto ad invecchiamento per arrivare alla commercializzazione nei seguenti tipi:
Marsala Fine, minimo 1 anno di invecchiamento.
Marsala Superiore minimo 2 anni di invecchiamento
Marsala Superiore Riserva minimo 4 anni di invecchiamento.

La seconda distinzione deriva dai vitigni d’origine e dal colore:
Marsala Oro prodotto con uve Grillo e/o Catarratto e/o Ansonica (detto localmente Inzolia) e/o Damaschino, è vietata l’aggiunta di mosto cotto;
Marsala Ambra prodotto con uve Grillo e/o Catarratto e/o Ansonica (detto localmente Inzolia) e/o Damaschino, con aggiunta di mosto cotto superiore all’1%;
Marsala Rubino (in disuso) prodotto con Perricone (localmente chiamato Pignatello) e/o Nero d’Avola e/o Nerello mascalese e/o (fino al 30% delle uve impegnate in totale) le uve a bacca bianca previste per i Marsala Oro ed Ambra, è vietata l’aggiunta di mosto cotto.

La terza distinzione deriva del residuo zuccherino:
Marsala Secco con zuccheri inferiori a 40 gr. per litro;
Marsala Semisecco con zuccheri superiori a 40 gr. per litro e inferiori a 100 gr. per litro;
Marsala Dolce, con zuccheri superiori a 100 gr. per litro.

image

Vigneto di grillo in Marsala/Cantina De Bartoli

Share

‘A Rina 2013 di Girolamo Russo o dei vini nordici dell’Etna

image
Per quel poco che ho assaggiato dei vini della muntagna mi pare d’aver capito che esulano dal contesto regionale siciliano. Nulla hanno a che fare, se bianchi, con il Grillo e l’Inzolia, men che meno, se rossi, con il Nero d’Avola, il Perricone ed il Frappato.
Allora andrebbero presi di per sè e bevuti esclusivamente alla cieca, così da capire che gli Etna Bianco e gli Etna Rosso sono altro rispetto alla comune idea di vino siciliano. Le interpretazioni degli autoctoni più rigorose, i bianchi da carricante ed i rossi da nerello mascalese e cappuccio, sono più affini a vini di regioni nordiche che a quella in cui originano, a due passi dall’Africa. Sono vini che hanno, se così si può dire, una tipicità nell’atipicità.
Su questa linea si attesta quello che è probabilmente il miglior Etna Rosso per rapporto qualità/prezzo ovvero l’A Rina di Girolamo Russo. La piccola produzione, 15 mila bottiglie totali con 5 vini, è a Passopisciaro in Castiglione di Sicilia, condotta a regime biologico dal bravo Giuseppe Russo.

image
image
Girolamo Russo – Etna Rosso ‘A Rina 2013

Da uve nerello mascalese con saldo di nerello cappuccio, questo 2013 è ancor più nordico delle annate precedenti: nella veste rubino scarico racchiude profumi di frutti rossi appena maturi, sentori vegetali, una nota ferrosa accennata e toni speziati, pepati e lievemente boisè, di grande eleganza. Il sorso è ben diritto, molto fresco e sapido, l’alcol per nulla percettibile e il tannino già ora splendidamente integrato. L’ A Rina 2013 non stanca il palato e invoglia continuamente a riberlo, da non farsi mancare in cantina per un vero appassionato dei vini dell’Etna, che hanno un piede in Sicilia e uno ben più a nord.

Share

Lambrusco di Sorbara Radice di Paltrinieri

Da un paio di giorni siamo nel panico perchè l’OMS ha inserito la carne rossa lavorata nella categoria dei cibi cancerogeni. Addio insaccati, salumi di ogni tipo, culatello, mortadella e quant’altro. Insomma una vera tragedia ma io abito in Piemonte e quindi posso solo immaginare i pensieri che passano nella testa di chi abita nel tringolo del maiale tra Parma, Modena e Mantova. Una terra con prodotti enogastronomici di livello mondiale, tristemente in balia delle fobie che fanno oscillare il mercato. Accadde anche per il vino di quelle terre, il Lambrusco, relegato a vino da discount di quart’ordine, venduto a prezzi da fame, si è guadagnato la brutta fama di vino scadente.
Ma i tempi cambiano ed oggi non ci si deve più vergognare a portare una buona bottiglia di Lambrusco ad una cena fra amici. Buona, è ovvio, perchè le ciofeche da discount non sono certo sparite (ma d’altronde trovate anche il Barolo a €9.99).
Nel caso vogliate tentare l’esperimento questo è uno dei Lambusco che preferisco, una vera istituzione: il Radice di Paltrinieri.

image
Paltrinieri – Lambrusco di Sorbara Radice 2013
Il Radice 2013 è rosa tenue da manuale AIS, con una bolla abbastanza fine e continua, profuma di fruttini rossi freschi, viola ed agrumi. In bocca non è arrotondato dal residuo zuccherino che spesso si trova nei Lambrusco facili, è secco, molto fresco e la bolla si fa sentire. Se non fosse per la leggerezza del sorso, ci si confonderebbe facilmente con un rosè metodo classico ben più blasonato, anche perchè lascia una invidiabile scia salata sul finale. Insomma questo Sorbara in purezza costa circa 8 euro ed è un best buy clamoroso.

P.S. Anche l’alcol è nella lista dell’OMS da un bel pezzo, però non c’è mai uno a ricordare che è la dose a fare il veleno.

Share

Enodiario da Santorini: Domaine Sigalas

Enodiario da Santorini: Domaine Sigalas

Tra i produttori di vino di Santorini ho scelto di visitare Domaine Sigalas, una certezza. Arrivare alla cantina non è così semplice perchè la segnaletica sull’isola benchè presente sulla strada principale, appena ci si avventura in strade secondarie è pressochè inesistente. E le scritte in alfabeto greco certo non aiutano!
La cantina si trova nella parte nord dell’isola, nel comune di Oia. Per arrivarci dalla costa di Oia si va a Finikia (a est di Oia) e si punta verso l’entroterra, altrimenti se si è dal lato opposto si va a Paradisos e si procede verso sud nell’entroterra.

image
L’azienda è di recente fondazione (1991) nata come realtà familiare, dal 1998 si è trasferita nell’attuale nuova sede, costruita nella piana di Oia. La proprietà oggi conta 27 ettari vitati e una produzione di 300000 bottiglie ed è un riferimento per la produzione vinicola di qualità di Santorini.
Nella mia visita ho assaggiato nello splendido dehor vista vigneti tutta la loro produzione, eccone il resoconto. Yamas!

image

Cyclades PGI Aidani 2014
Aidani 100%
Giallo paglierino, al naso è aromatico, fruttato di pesca e melone. Il sorso è leggero, intensamente fruttato e abbastanza sapido, è un’uva aromatica vinificata secca, ricorda un Muscat de Chambave. Vino ben fatto ma non lo comprerei.

Santorini PDO Assyrtiko – Athiri 2014
Assemblaggio di Assyrtiko 75% e Athiri 25%
Qui ci siamo, è paglierino con riflessi verdolini, il bouquet è di frutti bianchi e minerale. In bocca è di buon corpo, ancora fruttato e salino, molto gustoso e di grande persistenza. Ricorda un Gavi di quelli fatti bene, è il miglior rapporto qualità/prezzo di Sigalas: comprare in quantità.

Santorini PDO Santorini 2014
Assyrtiko 100%
Il vino bestseller del Domaine: il colore è paglierino, profuma di mela, agrumi e uvaspina. In bocca ha carattere, corposo, con vena acida e salina ben evidenti, grande allungo finale. Il 2014 è certamente giovane, crescerà rimanendo in bottiglia: comprare in quantità e stappare con calma.

Santorini PDO Kavalieros 2014
Assyrtiko 100%
L’Assyrtiko single vineyard di Sigalas è il vino più ambizioso del Domaine. L’uva è frutto di vigneti di oltre 60 anni d’età, viene vinificata separatamente e le fecce fini mantenute in sospensione per 18 mesi. Il paglierino è più intenso del precedente, al naso una riduzione iniziale lentamente si defila lasciando esprimere note di solvente, citrine, di erba fresca e minerali. Alla beva fonde acidità e sale in un’unica sensazione, facendo salivare come pochi altri vini. Ricorda uno Chablis, del quale ha anche le stesse ottime prospettive di longevità. Costa circa il doppio dell’Assyrtiko classico e solo per questo è da comprare con parsimonia e stappare con molta calma.

Santorini PDO Santorini Barrel 2014
Assyrtiko 100%
Qui non ci siamo, da quel poco che ho capito l’Assyrtiko e non gradisce fare legno e quindi i 6 mesi in barriques (seppur di ottima qualità) aggiungono solamente sentori vanigliati e nocciolati. A qualcuno potrebbe piacere, a me no, essendo oltretutto più caro dell’Assyrtiko classico.

Santorini PDO Nychteri 2014
Assyrtiko 100%
Il Nychteri è un’indicazione che troverete spesso in etichetta sui vini greci e potrebbe essere tradotto come vendemmia tardiva. In questo caso l’Assyrtiko in purezza lasciato appassire viene fermentato ed affinato sui propri lieviti per 30 mesi. Nel bicchiere è giallo dorato brillante, il bouquet è ampio e in continua evoluzione: miele, pesca gialla, frutta secca. In bocca il residuo zuccherino è minimo e comunque non disturba il sorso, andando a bilanciare l’acidità ancora viva. Il finale è interminabile. Un vino di grande personalità, difficilmente abbinabile se non con formaggi erborinati. Da comprare con parsimonia (quasi 30 euro ma li vale tutti) e dimenticare in cantina.

Cyclades PGI Ean 2014
Mavrotragano 100%
Un rosè che mi ha lasciato un pessimo ricordo: a parte il rosa cerasuolo brillante e un discreto naso fatto di piccoli frutti rossi, pepe e anidride solforosa(!) alla beva è esageratamente acido, manca di corpo e non ha persistenza. Stare alla larga.

Table Wine Apoplous
Mandilaria – Agiorgitiko
Di male in peggio: leggermente più colorato del precedente, profuma di ciliegie, note vegetali e anche qui solforosa(!) In bocca se possibile è ancor più acido del precedente, tannico, decisamente scomposto. Stare alla larga.

Cyclades PGI Mm 2013
Mavrotragano 60% Mandilaria 40%
Un blend dal profilo internazionale, è  color porpora, al naso arriva una mora ben matura e la viola, in bocca è di buon corpo, fresco e fruttato, ha un tannino vivo e di ottima fattura. Un rosso piacevole ma anche c’è una nota di anidride solforora un po’ fuori registro. Buono ma a Santorini c’è di meglio.

Cyclades PGI Mavrotragano 2013
Mavrotragano 100%
Bevuto in purezza in Mavrotragano dimostra di essere l’uva rossa isolana su cui scommettere. Questo 2013 di Sigalas sconta una vinificazione e affinamento in legno oggi ancor coprenti rispetto all’ottima materia prima fatta di frutti scuri maturi, tannino fine e continuo, un finale minerale e molto lungo. Un vino che sicuramente crescerà. Non sarà il bestseller dell’isola (come tutti i rossi) ma è un ottimo vino.

Santorini PDO Vinsanto 2005
Assyrtiko 75% Aidani 25%
Il giallo ambrato di questi Vinsanto è spettacolare, il bouquet è complesso e in continuo mutamento: fichi e albicocche appassite, sentori nocciolati, zafferano e miele. Il sorso è gustosissimo anche se un po’ frenato dal resuduo zuccherino, in questa fase ancora dominante. Comprare con parsimonia (30 euro la mezzina) e dimenticare in cantina.

Cyclades PGI Apiliotis 2009
Mandilaria 100%
Questo è un vino da bollino rosso: trattasi di passito da uve rosse con un residuo zuccherino da diabete istantaneo e null’altro. Sui miei appunti ho segnato un da evitare assolutamente che mi sembra dica tutto.

image

Share

Enodiario da Santorini, un paradiso precario

image
Santorini è bianco, blu e nero. Bianco delle case e delle chiese, accecante per il sole a mezzogiorno, dolce come il miele al tramonto. Blu del mare e del cielo uniti a perdita d’occhio in un abbraccio intenso e profondo. Nero del vulcano, delle sue interioria sputate fuori nei secoli, rocce arroventate dal sole e scalfite dal vento. Santorini è vivere alla giornata in un luogo che solo qualche generazione fa non era così com’è oggi, è un paradiso precario e le sue vigne sono l’essenza di questa filosofia.

image

image
Prepararevi a non vedere i classici filari pettinati ma troverete viti a piede franco basse, rasenti al suolo, protette dai venti da muretti a secco e da un sistema di potatura a cestino. Tutto ciò rende la meccanizzazione impossibile e il costo di manodopera per coltivare il vigneto molto elevato, in parte compensato da una quasi totale assenza di trattamenti fitosanitari.
Stupefacente la varietà ampelografica di decine di autoctoni per un’isoletta di neanche 80 km². Sono tre i bianchi principali, assyrtiko, aidani, athiri e due i rossi, mavrotragano e mandilaria.
L’assyrtiko è senz’altro il fuoriclasse della batteria, tanto che occupa i tre quarti della superficie vitata di Santorini. È un bianco strutturato, nonostante il sole rovente dell’isola conserva una spina dorsale fresca ed acida che rende il sorso gustoso ma diritto e lo sostiene nell’invecchiamento che può arrivare anche a 10 anni.
L‘athiri evidenzia fin dal nome le sue radici isolane (l’antico nome di Santorini è Thira, oggi nome della città principale). In purezza è leggermente aromatico, di moderata alcolicità ed acidità. In molti casi l’athiri viene unito all’assyrtiko per renderne il sorso più snello e fruttato.
L’aidani è un’uva aromatica, produce vini di poco corpo e bassa acidità. Esistono alcuni esempi di vinificazione in purezza, ma solitamente anch’esso viene assemblato con l’assirtiko, specie nel caso si produca il Vinsanto da uve passite.
Il mavrotragano è un’uva a bacca rossa autoctona di buone potenzialità, la più interessante che abbia assaggiato. Produce un rosso corposo, molto minerale, con tannini fini e saporiti, che ben si presta all’affinamento in legno.
La mandilaria è il rosso autoctono più diffuso sull’isola, dona vini profumati, molto intensi nel colore, leggeri in alcol, corpo ed acidità. Viene vinificata in purezza o assemblaggio e spesso i grappoli vengono lasciati disidratare naturalmente al sole per produrne un passito.
Le cantine che vinificano a Santorini non sono molte, poco più di una decina, ed è diffusa la pratica tra i piccoli viticoltori di conferire le uve a queste ultime, non avendo l’attrezzatura necessaria per produrre in proprio il vino.
Le principali sono:
Art Space Winery
Argyros
Atzidakis
Santo Wines
Sigalas
Antoniou
Boutari
Roussos
Gaia
Gavalas
Volcan Wines
Come detto, alcune cantine vinificano sia uve di proprietà che acquistate, altre solamente uve di proprietà, alcune di esse poi fanno parte di realtà imprenditoriali molto più ampie, con zone di produzione vinicola anche su altre isole greche o nei dintorni di Atene. Trovate in grassetto le più importanti (sia a livello qualitativo che per reperibilità), nelle quali la visita è quasi un obbligo per ogni winelover in vacanza a Santorini che si rispetti. Una nota dolente ma evidentissima è come il paesaggio dell’isola sia oggetto di una cementificazione costante, diretta conseguenza del crescente flusso turistico. Scegliere prodotti locali, far visita ai produttori e acquistare il frutto dei loro sforzi è un modo per contrastare questa tendenza e salvaguardare un paesaggio unico: pomodori, fichi, capperi, pistacchi e, ovviamente, vino. Un modo per contribuire a preservare un delicato paradiso, e portare via con sè un po’ di quel bianco, blu e nero che è Santorini.
image

Share

L’Hérzu 2013 ovvero perchè un Riesling piemontese è tra i più grandi bianchi italiani

Le occasioni per bere un grande bianco non mi capitano spesso, vuoi perchè vivo in una terra dove i rossi la fanno giustamente da padroni, vuoi per gusto personale. Ma quando capita non resta che tirar giù il cappello, soprattutto se ho bevuto un grande bianco della terra piemontese. Mi è successo tempo fa con il Timorasso Pitasso 2011 di Mariotto, poi con il Gavi Pisè 2010 de La Raia. Insomma se hai nel bicchiere un grande Chardonnay borgognone un po’ te lo aspetti ma da un Riesling piemontese ci rimani lì. Due anni fa avevo recensito l’Hérzu 2011 che mi era piaciuto parecchio ma questo 2013 è il miglior millesimo che io abbia bevuto. Premetto di non averle assaggiate tutte ma dalla 2009 in poi.

image
Ettore Germano – Langhe Riesling Hérzu 2013
Il 2013 nella sua gioventù è la versione bevuta meno piaciona (leggi con meno residuo zuccherino), a differenza di alcune addietro che parevano percorrere quella strada. Il paglierino nel bicchiere è giovane e promettente, più esile che in altre annate, anche la consistenza pare inferiore. Il roteare nel bicchiere restituisce i fiori bianchi, l’erba falciata di fresco, gli agrumi. Un’estrema aderenza al vitigno con la mineralità forte e la minuta ed elegantissima nota d’idrocarburo in fieri. Il sorso è saporito, di un’acidità evidente e diretta, salata. Non basteranno le dita di due mani a contare i secondi in cui persiste in bocca.
È un grande Riesling che evolverà meravigliosamente, da comprare ora e stappare con calma nei prossimi anni. Bravo Sergio, chapeau!

Share

La Barbera sa invecchiare: Bigolla 2000 di Walter Massa

Dopo due settimane di assenza, complici le festività pasquali e relative maratone gastronomiche, torno a scrivere delle bottiglie che ho bevuto. Pescando nel mucchio sono un paio quelle da ricordare: la prima è la Barbera Bigolla di Walter Massa del 2000 (prima annata mi pare), che ancor ruggendo nonostante i 15 anni sul groppone, complice anche l’annata calda, ha iniziato la sua fase calante.

image

Vigneti Massa – Colli Tortonesi Barbera Bigolla 2000
Il tappo in sughero, provato dal tempo, ha richiesto l’intervento del cavatappi a lame. Il colore è ancora perfetto, rubino carico senza cedimenti, al naso però impiega molto tempo per liberarsi da un sentore di chiuso che non svanisce mai completamente. In bocca molto meglio: è subito vigorosa, con acidità e tannini vivi anche se la frutta fresca ha lasciato posto a sentori marmellatosi e tostati (cognà). Un bel vino, sicuramente grande qualche anno fa, capace di far riflettere sulle potenzialità d’invecchiamento della Barbera e dei rossi del tortonese.

Share

Siate assetati, siate curiosi!

Siate assetati, siate curiosi!

La maggior parte delle mie visite in cantina sono terminate giustamente con l’assaggio (e l’acquisto) nella sala degustazione, ammesso che esista. Spesso mi è capitato proprio in questi luoghi di vedere che il padrone di casa teneva esposte in bella vista come trofei i vetri che contenevano le migliori bevute della sua vita. E altrettanto spesso mi sono cadute le braccia nel vedere che non aveva la bottiglia di alcun produttore oltre ai suoi vini. Possibile? Nessun vino bevuto degno di ergersi al pari dei suoi capolavori? Ebbene sì, un po’ presuntuoso ma c’è di peggio: ho incontrato produttori che non hanno cultura del vino, a prescindere dall’esporre o meno memorie di grandi bevute in sala degustazione. Produttori che non conoscono nemmeno i fondamentali: inutile parlagli ad esempio dei grandi rossi da Sangiovese, Nebbiolo e Aglianico o dei bianchi da Verdicchio e Fiano. Nulla. Vuoto pneumatico. E mi è successo non solo in zone minori per la viticoltura ma anche nella tanto decantata Langa.
Tutto ciò non vuol affatto dire che questi non possano fare un buon vino, questo vale soprattutto per un mestiere artigianale, tramandato da padre in figlio, ma una minima apertura al mondo d’oggi è fondamentale. Come in ogni forma d’arte ci sono dei capi saldi imprescindibili. Non si può fare un grande vino senza esserne appassionati. Ed essere appassionati di vino, esserne cultori oggi in Italia, è anzitutto essere amanti della diversità. Il nostro orgoglio sono la miriade di piccole produzioni che sopravvivono e permettono di non omologare il gusto del vino. Cose che gran parte del mondo ci invidia.
D’altro canto ho conosciuto per fortuna produttori fortemente appassionati di vino, maniacali in alcuni casi. Stupendo è quando vai da loro e ti fanno anche assaggiare la bottiglia di un altro vignaiolo. Qui capisci che c’è cultura, non si ha paura del confronto e non ci si chiude nel proprio orticello. Qui c’è volontà di crescere, di capire cosa c’è di buono e cosa no nei vini dei colleghi. Volete fare un grande vino? Siate curiosi. Viaggiate per conoscere altri lidi e altre culture e quando siete lì provate i loro prodotti. Perchè è incontrando ciò che non conosciamo che si cresce, perchè nessuno si salva da solo.

Share

Enodiario della Valtellina: il Sassi Solivi 2011

Triasso e Sassella è il nome di una piccola cooperativa di vignaioli della Valtellina. Un gruppetto di amici con la passione per il vino e la voglia di non lasciar andare in malora i loro appezzamenti vitati sulle terrazze alte sopra Sondrio. Siamo a Triasso, piccola frazione di Sondrio nella parte alta della sottozona Sassella, dove si trovano i loro circa due ettari di nebbiolo (chiavennasca). Il progetto è giovane ma la qualità dell’unico vino che producono è in continua crescita. Attualmente credo sia il miglior qualità prezzo della Valtellina: difficile trovare un Sassella migliore a poco più di 10 euro.
image

image
Triasso e Sassella – Valtellina Superiore Sassella Sassi Solivi 2011
Il colore? Immaginate il nebbiolo scarico e trasparente, questo lo è ancor di più. Soltanto a Carema ho visto qualcosa di simile ma qui tende già in gioventù più sul granato. Il profumo? Freddo, pepe, frutti rossi appena maturi, melograno. E il sorso? Pare di bere un succo di lamponi rossi, i tannini non disturbano, fanno da padrone la freschezza e la sapidità: un Valtellina così grasserebbe anche del burro fuso (e i pizzocheri ultraburrosi di Combolo ci andavano a nozze). Consigliatissimo.

Share
12ce932a42" />