Back to Piemonte – parte 1

Dopo aver bevuto grandi bottiglie sicule quest’estate l’autunno è trascorso frenetico e pieno di impegni come ogni anno. Accade così che il ritorno ai grandi classici piemontesi sia un dovere, per sentirsi coccolati nella propria comfort zone.
Ecco alcune delle migliori bevute di fine estate e dell’autunno 2016 appena trascorso.

image
Cadia – Verduno Pelaverga 2015

Partiamo da una cena speciale di fine estate in quel di Verduno. La bottiglia in tavola non poteva che essere un Pelaverga. Oltre a quel campione di bontà e tradizione che è quello del Comm. Burlotto, ci sono molte altre firme interessanti per questa piccola denominazione, in costante crescita negli ultimi anni. Uno di questi è Cadia, azienda a conduzione famigliare con sede a Verduno che oltre ad un Barolo Monvigliero sempre più buono e sempre meno internazionale nel gusto, produce un grande Pelaverga.
Il 2015 è giustamente scarico di colore, già granata sull’unghia. Il naso ha una nota intensa e particolarissima di succo alla pesca. Uno dei rimandi olfattivi più netti che abbia mai sentito, anche a detta della mia commensale, soprattutto a bicchiere scolmo. Pare proprio di avere nel bicchiere un succo alla pesca o un vasetto di pesche sciroppate. In bocca ha un ingresso gemtile, lievemente tannico, decisamente spostato su sentori primari di frutti rossi. Un Pelaverga goloso, dalla facilità di beva disarmante. Bravi!

image

image
Manzone – Langhe Rossese Bianco Rosserto 2013

Ad inizio autunno abbiamo stappato un Rossese Bianco di Manzone. L’azienda del Castelletto di Monforte è tra le poche a vinificare questo raro vitigno che probabilmente è un omologo del Rossese Bianco ligure (Cinque Terre, ma anche ponente ligure). L’annata 2013, grandissima in Langa, regala un bianco di grande struttura e oggettivamente in fieri: chiunque ne abbia in cantina attenda a stappare senza preoccupazioni. Il dorato intenso e luminoso tardisce un passaggio in barrique fatto con guanti di velluto. Intendiamoci, il boisè si sente ma è un vanigliato di classe e già ben integrato col resto dei sentori tar cui spicca quello di mela golden. Il sorso è molto fresco, sapido e di buona carica aromatica, che sorregge l’allungo finale su note di frutti gialli ben maturi.

image

Marco Porello – Roero Arneis Camestrì 2015

Il Camestrì 2015 di Marco Porello è stato uno degli Arneis più interessanti di questo millesimo. È un’etichetta che non bevevo da alcuni anni e l’ultimo ricordo che ne avevo era di una versione un po’ caricaturale per un eccesso di legno in affinamento che tendeva a snaturare il vino con accenni di sentori tropicali, di banana. Con questo 2015 mi sono ricreduto: il paglierino intenso colora una materia di prim’ordine con sentori tipici di pesca e pera, floreale dolce di acacia. Un vino che è giustamente tornato ad essere sè stesso, un ottimo Roero Arneis.

image

image

Produttori del Barbaresco – Barbaresco Riserva Montestefano 2007

Ed eccolo il campione, in pieno autunno: Barbaresco Montestefano 2007 dei Produttori. Il cru è spesso accostato alla potenza da Barolo più che all’eleganza da Barbaresco. Non mi sento di allinearmi alla vulgata in questo caso perchè questo Montestefano 2007 è perfetto, un’espressione cristallina del Nebbiolo di Langa. Appena granato sul bordo bicchiere, rotea fluido e regala profumi di rosa rossa, alcol ben integrato nonostante l’annata calda, note di frutti rossi ben maturi, cenere. In bocca è ancor vigoroso nel tannino, che è fine, continuo e avbolge il palato. La sensazione calorica è ben accompagnata dai sentori fruttati e sapidi, con un finale fresco e pepato. Se ne avete cominciate a stappare con calma da ora e per il prossimo decennio, accompagnate con piatti di adeguata grassezza. Complimenti ai Produttori del Barbaresco, vini così (e a questo prezzo) fanno grande la Langa più vera.

Share

Bruno Rocca: Rabajà 2013 e Riserva Currà 2012

image
Da quando sono in commercio i Langhe Nebbiolo 2013 si è iniziato ad intuire tutte le potenzialità del millesimo che per i Barbaresco vedrà la luce nel corso del 2016 e per il Barolo nel 2017. Non bisognerebbe mai sbilanciarsi in anticipo sulla qualità delle annate ma diavolo com’è difficile bevendo i 2013 langhetti! Magari non farà il clamore che fece la 2010 che, pure ottima, è stata piuttostosto inflazionata dalla critica giornalistica. È una grande annata, punto. Una di quelle per cui il Consorzio dalla manica larga può giustamente spendere le 5 stelle.
The next big thing in Langhe!
A confermarmelo è uno dei primi assaggi da bottiglia dei Barbaresco 2013: il Rabajà 2013 di Bruno Rocca.
Da troppo tempo mancavo l’invito ad andare ad assaggiare i vini e così, appena un ritaglio di tempo ce l’ha permesso, io e il mio socio ci siamo fiondati in cantina accolti da Francesco Rocca. Su questo giovane vigneron, dico solo che ha una preparazione e voglia di mettersi in gioco fuori dal comune. È un innamorato della vigna, conoscitore della terra che gli dà da vivere. La seconda generazione, al timone della cantina di Bruno Rocca, è uno di quei rari cambi generazionali pienamente riusciti.

image
N.B. La foto sopra si riferisce al Barbaresco classico 2013 ma ciò di cui parlo qui è il Rabajà 2013 (di cui ho perso la foto)
Bruno Rocca – Barbaresco Rabajà 2013
Il Rabajà 2013 è il riassunto della grande annata di cui sopra. Se fosse una sola parola sarebbe: finezza.
Il colore è rubino scarico e limpido, quasi fosse un nebbiolo di montagna. Francesco mi racconta che in macerazione ha lasciato gli acini il più possibile integri così da ottenere un’estrazione lenta e progressiva. I profumi confermano la timbrica classica ed elegante: frutti rossi e viola. In bocca è un vino cesellato, di una purezza stilistica cristallina, che nella prima metà di bocca pare quasi nascondere la sua grandezza ma poi fa voli pindarici nella seconda metà. Il tannino è giovane ed in evidenza ma minuto e continuo. Un Barbaresco che già oggi esprime l’eleganza nei sentori secondari, in prospettiva evolvendo e aggiungendo sentori terziari, sarà un capolavoro.
Acquistare in quantità e bere con calma negli anni a venire.

image
Bruno Rocca – Barbaresco Riserva Currà 2012 (etichetta provvisoria)
Un altro assaggio notevole della serata è stato il nuovo Barbaresco Riserva Currà 2012, cru in Neive.
Color rubino intenso, al naso è ancora chiuso e per ora svela sentori terrosi, di radice e un accenno vegetale. In bocca gioca più sulla sostanza rispetto al precedente: tannini vivi e in evidenza, sorso pieno e vigoroso, sapido, con un grande allungo finale. Un’interpretazione tradizionale che dona un vino oggi ancora infante ma che crescerà parecchio, c’è da scommetterci.
Acquistare e iniziare a stappare tra una decina d’anni.

Share

Nebbiolata agli Albesani di Neive

image

image

image

Massolino – Barolo Riserva Vigna Rionda 2004
Ferdinando Principiano – Barolo Boscareto 2005
Massolino – Barolo Riserva Vigna Rionda 2008
Aldo Conterno – Barolo Bussia 2000
Bovio – Barolo Gattera 2008
Caves Cooperatives de Donnas – Donnas 2010
Poderi Colla – Barolo Bussia 2008
Barbaglia – Boca 2010
Cigliuti – Barbaresco Serraboella 2005
Luciano Sandrone – Nebbiolo d’Alba Valmaggiore 2009
Fattoria San Giuliano – Barbaresco 1999
Ermanno Costa – Roero 2009
Conterno Fantino – Barolo Parussi 2001

Share

Bolle al Rabajà, nel cuore del Barbaresco

image

image
Taittinger – Champagne Brut Blanc de Blancs Grand Cru Comtes de Champagne 2000

image
Jérôme Prévost – Champagne Extra Brut Blanc de Noirs La Closerie

image
Veuve J. Lanaud – Champagne Brut Reserve

image
Marie-Noëlle Ledru – Champagne Brut Ambonnay Grand Cru

image
Egly-Ouriet – Champagne Brut Premier Cru Les Vignes de Vrigny

image
Gosset – Champagne Brut Excellence 2000

image
Andrea Arici – Franciacorta Dosaggio Zero Millesimato 2008

image
Ca’ del Bosco – Franciacorta Satèn 2009

image
Gancia – Alta Langa Brut Cuvée 60 Riserva 2004

image
Gatinois – Champagne Brut Rosé Aÿ Grand Cru

image
Cantina di Sorbara – Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann 2013

image
Bera – Alta Langa Brut

image
Cascina Chicco – VSQ Cuvée Zero Rosé

image
Enrico Serafino – Alta Langa Zero 2007

Share

A proposito di un grande Nebbiolo

Nessun dubbio, questo è il miglior vino base nebbiolo bevuto da inizio anno. E dire che di belle bottiglie fin’ora ce ne sono state parecchie tra Barolo, Barbaresco, Roero, Nord Piemonte, Val d’Aosta e Valtellina. Poi un grande Nebbiolo uno si aspetta di berlo in inverno, al massimo inizio primavera e invece questa bottiglia aperta pochi giorni fa si è posizionata di peso in cima alle mie preferenze. Un’ode sussurata al vitigno nebbiolo: profuma di viola, lampone, fragola e una macinata di pepe; in bocca è di croccante freschezza, il sorso è agrumato, il tannino minuto è cesellato come una carezza sul palato, chiude goloso su sentori di liquirizia. Un vino apparentemente di poca consistenza ma con un ventaglio aromatico e una piacevolezza di beva sconcertanti.

image

Viene dalle ripide sabbie di Valmaggiore in Vezza d’Alba, grand cru del Roero.

image

image
image

Lo producono i Brovia di Castiglione Falletto. Giacinto Brovia è scomparso pochi giorni fa, quale miglior ricordo dell’eleganza e della leggerezza del suo Nebbiolo d’Alba.
La bottiglia in questione la trovate al ridicolo prezzo di una ventina di euro, ci siamo capiti.

Share

In Aprile metti Langa e Roero in tavola

image

Olek Bondonio – Barbaresco 2010
Burlotto – Barolo Acclivi 2004
Le Ginestre – Barolo Sotto Castello 2007
Gigi Rosso – Barolo Arione 2009

Share

Grandi (pesci) Rossi d’Aprile

image

image

image

image

Delamotte – Champagne Brut MG

Alain Hudelot-Noellat – Les Suchots Vosne-Romanee Premier Cru 2009
Fontodi – Flaccianello della Pieve 2009
Clerico – Barolo Percristina 2001
Roagna – Barbaresco Asili Vecchie Viti 2008
Tenuta San Guido – Bolgheri Sassicaia 1998
Rocche dei Manzoni – Barolo Vigna Cappella Santo Stefano 2004
Tedeschi – Amarone Classico della Valpolicella 2003
Vajra – Langhe PN Q497 2010
Cavallotto – Barolo Riserva Vignolo 2005
Abbatucci –  Cuvée Collection Rouge Ministre Impérial 2012
Borgo La Gallinaccia – Rosso Sebino Colmo dei Colmi 2009

image

Share

Il Barbaresco Rio Sordo 2008 dei Produttori

Due-parole-due su un vino che vale ogni centesimo del suo (onestissimo) prezzo. Il Barbaresco dei Produttori è una pietra miliare nella produzione di Langa ma quando si parla della Riserva e dei cru giusti si ha a che fare con un grande vino. Sul mio podio generalmente salgono Rabajà, Montestefano e Asili però questo Rio Sordo 2008 dei Produttori ha messo la freccia e si appresta al sorpasso dei pari annata, avendo a disposizione una freschezza non comune che gli dona uno splendido equilibrio.

image

Produttori del Barbaresco – Barbaresco Riserva Rio Sordo 2008

Il naso é potente, mai stancante, di viola mammola e ciliegia sotto spirito ed il sorso svela un tannino dolce e maturo con un centro bocca carnoso, variegato, di gran classe. Ovviamente necessita di un sostanzioso accompagnento gastronomico. Io l’ho bevuto un piovoso lunedì sera di febbraio in cui trovai rifugio da un’Alba deserta all’Osteria dell’Arco: cena luculliana, conto altrettanto (non per il vino, ripeto, dal prezzo onestissimo) e rientro a casa felice.

Share

Nebbiolata di gennaio (o La sera in cui il Gattinara di Franchino salì sul podio assieme a Vigna Rionda e Monprivato)

image

image

image

image

Philipponat – Champagne Cuvée 244

Giuseppe Mascarello – Barolo Monprivato 2009
Massolino – Barolo Vigna Rionda Riserva 2007
Mauro Franchino – Gattinara 2007
Marchesi di Gresy – Barbaresco Martinenga 2006
Allmondo – Roero 2011
Antoniotti – Bramaterra 2009
Hilberg Pasquero – Nebbiolo d’Alba 2001
Battaglino – Roero Sergentin 2011
Triacca – Valtellina Superiore Casa La Gatta 2008

Share

Piccolo sfogo esplosivo

20130420-090340.jpg
Per l’ennesima volta la signora XXX figlia del produttore YYY (zona Barbaresco, non aggiungo altro) viene a chiedermi come mai non teniamo più il loro vino. Spiego gentilmente che le uniche due annate che avevamo acquistato giacciono invendute in cantina e inoltre che il loro Barbaresco non incontra il mio gusto, quindi faticherei a venderlo. Lei, visibilmente stizzita, se ne va e io riprendo a lavorare. Non paga nel pomeriggio la cara signora XXX chiama una collega e la tiene ore al telefono dicendo che non capisce come mai un ragazzino (che sarei io) decida se prendere o no il loro vino; la collega mi difende e dopo la telefonata mi racconta tutto.
Ora:
1. io lo capisco cara XXX che devi vendere il tuo vino ma se non mi va di acquistarlo te lo dico e amici come prima, non puoi continuare a passare una volta al mese per farmi la stessa richiesta, no?
2. da quanto sei stata insistente l’unico vino che a prescindere non voglio più vendere sarà proprio il tuo: rompere le scatole non paga
3. conosco altri figli di produttori per i quali nutro grande stima, gente ricca ma coi piedi per terra, con un’etica; ecco, tu non sei tra questi
E poi il ragazzino (io) è nato tra i vigneti, ha solo una ventina di vendemmie alle spalle perchè è giovane ma non ne ha mai saltata una, tu? Il ragazzino sa riconoscere una semplice clorosi ferrica da una vite con la flavescenza dorata: tu, cara XXX, puoi dire altrettanto? Io non credo vedendo la tua camicetta di Burberry e le tue mani con la french perfetta, mi sa che i filari li hai visti solo sui depliant aziendali.
In definitiva e ultima analisi è il vino cara XXX che mi interessa e il tuo, ripeto, NON MI PIACE perchè sa di poco, sa di finto, come le tue tette.

Share
12ce932a42" />